REGGIO EMILIA – La base d’asta era di 6,8 milioni di euro e questa era anche la cifra che la società Terminal One si era data come offerta massima per l’acquisto all’asta degli immobili di Via Filangieri, che gestisce da due anni con un contratto d’affitto. L’imprenditore correggese Giorgio Bosi, titolare della ditta Pibiplast di Correggio che produce confezioni per cosmetici, ha rilanciato con un’offerta di 6,85 milioni, cioè 50.000 euro in più, aggiudicandosi l’acquisto dei padiglioni. Bosi era rappresentato da un legale, avvocato Morandi, che non si è espresso sull’utilizzo futuro degli immobili, ma ha fatto intendere che l’intento è quello di una valorizzazione dell’area.

La Terminal One, presente con il commercialista Guido Prati, ha dichiarato che non rilancerà con altre offerte (tecnicamente ci sono infatti ancora dieci giorni di tempo per presentare un’offerta di rialzo), nonostante per due anni abbiano investito somme importanti per il rilancio e lo sviluppo delle Fiere. Visto l’esito dell’asta, la società punterà ora a investimenti diversi nell’area della Mediopadana.