Oggi il sindaco Luca Vecchi e l’assessora alla Cultura Annalisa Rabitti hanno fatto visita agli operatori impegnati nel nuovo sistema di prestito e restituzione alla Biblioteca centrale Panizzi, nella quale sono fra l’altro terminati i lavori di restauro e riqualificazione architettonica della settecentesca ‘Loggia Ferraroni’ nell’ambito del più ampio programma di riqualificazione del Palazzo San Giorgio. Con loro, erano presenti il dirigente del Comune e direttore della Biblioteca Panizzi Giordano Gasparini e il responsabile di gestione delle Biblioteche comunali Alberto Ferraboschi.

“Dopo le riaperture di parchi, mercati, attività commerciali e la presentazione di nuove proposte di mobilità sostenibile in questa fase 2, oggi viviamo una giornata particolarmente significativa: nei tempi previsti e consentiti dalle norme, riapriamo le nostre Biblioteche pubbliche, un atto e un momento bellissimi. Da oggi progressivamente e con le cautele necessarie per tutelare la salute nostra e degli altri, possiamo riprendere confidenza con i libri, oggetti semplici e profondi, parti importanti della nostra esistenza. Di questo dobbiamo essere grati alla direzione e agli operatori comunali delle nostre Biblioteche”, ha detto il sindaco Luca Vecchi.

“E’ stato come se il Coronavirus avesse voluto mettere fuori gioco la cultura, estraniandola dalla nostra vita. In apparenza sembrava esserci riuscito. Ora, con questa emozionante riapertura delle Biblioteche oggi e dei Musei Civici domani, possiamo dire con gioia che non è così – ha detto l’assessora alla Cultura Annalisa Rabitti – E’ bellissimo rivedere il contatto tra persone e libri, la cui fisicità è così mancata in questi mesi in cui il sapere è dipeso quasi esclusivamente dai ‘monitor’. La tecnologia è venuta in soccorso certo, ma la relazione anche con gli oggetti-libri è per noi fondamentale. I bambini primi fra tutti ne hanno avvertito il bisogno e ora tutti possiamo trarre gli stimoli importanti che i libri, così come il contatto dal vivo con i beni museali, sanno trasmettere.

“Stiamo lavorando – ha concluso Rabitti – a una programmazione culturale inedita per i prossimi mesi, con iniziative ‘piccole’ ma preziose e diffuse, che terranno in massima considerazione le norme di sicurezza sanitaria e di non assembramento e che presenteremo prossimamente”.

“In questi giorni di esordio della fase di riapertura delle Biblioteche – ha detto il direttore Giordano Gasparini – ci limitiamo alla restituzione, poi avvieremo il prestito sistematico con prenotazione. In questa prima giornata abbiamo in Panizzi un deflusso ordinato e contenuto dei cittadini, senza assembramenti. Credo che le misure di sicurezza sanitaria, adottate sia per i cittadini sia per i nostri dipendenti che operano al servizio di prestito, siano evidenti a colpo d’occhio. La ‘quarantena’ a cui sono sttoposti i volumi riconsegnati è una ulteriore misura di tutela per tutti. Intanto possiamo vedere, anche se per ora solo al piano terra della Biblioteca, risultati importanti dei lavori di riqualificazione giunti a maturazione, il più evidente e suggestivo dei quali è la Loggia Ferraroni, opera di uno dei più illustri architetti reggiani del Settecento, Giovan Maria Ferraroni, che fra l’altro lavorò alla Reggia estense di Rivalta. La Loggia, destinata a emeroteca, sarà arredata dal prossimo giugno e in seguito funzionale, nei limiti e in base a quanto sarà consentito dalle norme”.

“Nei mesi di sospensione dell’apertura al pubblico delle Biblioteche – ha detto il responsabile di gestione Alberto Ferraboschi – abbiamo proseguito con intensità il nostro lavoro ‘interno’, ad esempio sviluppando ulteriormente i servizi ‘da remoto’, potenziando il digitale e gli acquisti online. Ora andiamo verso una progressiva riattivazione dei servizi abituali, con Biblioteche ulteriormente aggiornate e all’altezza delle istanze degli utenti”.

BIBLIOTECHE – Hanno riaperto dunque al pubblico la Biblioteca Panizzi e le Biblioteche decentrate di Rosta Nuova, Ospizio, San Pellegrino e Santa Croce, a seguito di una riorganizzazione delle modalità di servizio e degli spazi al fine di garantire il distanziamento tra i dipendenti e di questi dai cittadini che si rivolgono alle Biblioteche. Con le precauzioni previste, hanno riaperto anche lo Spazio culturale Orologio e la Biblioteca delle Arti.

In accordo con le norme nazionali e le linee guida regionali per il contenimento della diffusione del Coronavirus, per limitare al minimo i contatti fisici, è prevista, per ora, la riapertura del solo servizio di prestito (su prenotazione) e la restituzione del materiale. Perciò si può accedere alle sedi solo per ritirare il materiale prenotato e per la restituzione del materiale a prestito. In questa fase, pertanto, non sono consentiti l’accesso alle sale studio e consultazione, la ricerca autonoma a scaffale e la lettura dei quotidiani ove vi sia il servizio di emeroteca.

Anche la Sala Telematica della Biblioteca Panizzi resterà chiusa al pubblico.

Per accedere alle Biblioteche, è previsto il rispetto di tutte le misure in vigore per contrastare la diffusione del Coronavirus: indossare la mascherina, lavarsi le mani con le soluzioni idroalcoliche all’ingresso e rispettare il distanziamento sociale di 1,5 metri.

Per ottemperare alle norme di sicurezza vigenti, nella Biblioteca Panizzi viene differenziato il percorso di entrata e di uscita dalla sede di Palazzo San Giorgio: l’entrata sarà da via Farini mentre l’uscita del pubblico avverrà da via Malta.

In questa fase, le richieste di nuove iscrizioni alla Biblioteca avverranno in via telematica. Per ulteriori informazioni, è possibile contattare la propria Biblioteca di riferimento.

A partire dal 18 maggio è nuovamente attivo il servizio di reference onlineChiedi al Bibliotecario’, che offre risposte a quesiti semplici di natura bibliografica e indicazioni sulle strategie di ricerca, oltre ad informazioni sui servizi bibliotecari.

Per tutte le informazioni sul prestito e restituzione del materiale: https://www.stampareggiana.it/2020/05/13/biblioteche-e-fase-2-dal-18-maggio-riaprono-al-pubblico-le-biblioteche-comunali-reggiane/