L’ondata di caldo intenso è in arrivo già da domani nella nostra penisola con temperature che, secondo le previsioni potranno raggiungere anche picchi oltre i 42-43°C, ma che riguarderanno in particolare la Sardegna e la Sicilia.

Il caldo sembra interessare in particolare anche l’Emilia Romagna dove si potranno toccare punte di 34-35°C nelle zone interne della Regione. Ma saranno i giorni tra Venerdì a Domenica a vedere la fase più intensa di questa possente ondata di caldo. Nelle giornate in esame infatti, i termometri potrebbero toccare picchi prossimi ai 38-39°C in città come Reggio Emilia, Modena, Bologna e Ferrara. 

A Reggio è attivo per i cittadini il centro di ascolto telefonico tel: 0522 320666, per aiutare le persone che rimangono in città nei giorni più caldi e che possono avere bisogno d’assistenza o anche solo di scambiare due parole al telefono. Il numero è attivo dal 15 giugno al 6 settembre 2020 dalle ore 9 alle ore 12 e dalle ore 15 alle ore 18 da lunedì a venerdì; dalle ore 9 alle ore 18 il sabato e la domenica.

Le elevate temperature richiedono che le persone anziane adottino alcuni comportamenti utili a fronteggiare il caldo. 

I medici ribadiscono:

– l’invito a bere molto e spesso, acqua e the, succhi di frutta, anche in assenza di stimolo alla sete, evitando superalcolici, caffè e in generale le bevande ghiacciate;

– consumare molta frutta e verdura, anche sotto forma di frullati e centrifugati. Frutta e verdura contengono una grande percentuale di acqua e sono fonte naturale di vitamine e sali minerali; evitare inoltre bevande e cibi troppo caldi o troppo freddi;

– fare pasti leggeri e frequenti;

– uscire di casa nelle ore meno calde, nelle prime ore del mattine e dopo le 19;

– quando si esce è consigliabile coprirsi il capo e proteggere gli occhi con occhiali da sole; indossare abiti comodi e leggeri, chiari, non aderenti e di fibre naturali (cotone e lino), perché il materiale sintetico scalda e impedisce al corpo di disperdere il calore;

– fare bagni o docce con acqua tiepida per abbassare la temperatura corporea;

– se si usano ventilatori per far circolare l’aria, non rivolgerli direttamente sul corpo;

– a rieggiare la casa, in particolare durante le ore più fresche;

– se si utilizzano climatizzatori, regolare la temperatura dell’ambiente con una differenza di non più di 6/7 gradi rispetto alla temperatura esterna.