REGGIO EMILIA – Anche nella serata di ieri 16 ottobre, con apposita ordinanza del Questore di Reggio Emilia, sono stati predisposti mirati servizi di controllo congiunti con l’impiego di Agenti della Polizia di Stato, del reparto prevenzione crimine della Polizia di Stato, della locale divisione P.A.S.I., dell’Arma dei Carabinieri, dei Nas dell’Arma dei Carabinieri, della Guardia di Finanza e della Polizia locale volti alla verifica del rispetto della normativa vigente inerente la nota emergenza da Covid-19 in ottemperanza alle decisioni assunte in sede di Comitato Provinciale per l’Ordine e Sicurezza Pubblica.

Gli Agenti/militari hanno effettuato pattugliamenti appiedati costanti lungo le principali vie e piazze del centro storico in particolare, via Roma, Parco del Popolo, Piazza Fontanesi, Piazza Prampolini e Piazza S. Prospero via Farini, via toschi, via Emilia S. Stefano, Piazza Martiri del 7 Luglio.

I servizi disposti, diretti da un Funzionario della Questura di Reggio Emilia e da un Ufficiale dell’Arma dei Carabinieri delegati dal Questore, hanno permesso di verificare l’andamento della movida cittadina. Durante i controlli sono state elevate 23 sanzioni per “mancato utilizzo dei dispositivi di protezione/mascherine” e il NAS dell’Arma dei Carabinieri ha controllato nr. 4 esercizi commerciali. Sono state controllate complessivamente 36 persone.

il servizio ha permesso di evidenziare che i cittadini che frequentano la movida essendo ormai abituati a interagire con le Forze di Polizia, erano perfettamente a conoscenza delle nuove norme sanitarie di contenimento al covid-19, infatti alle richieste degli agenti/militari si sono dimostrati molto collaborativi e alle 21 hanno abbandonato i soliti luoghi di ritrovo. L’impegno degli equipaggi interforze proseguirà anche nelle prossime settimane .