Durante l’ultimo Consiglio comunale, l’assessore Chiara Lanzoni ha presentato il bilancio consuntivo 2020 ovvero l’atto che rende conto al Consiglio (e alla comunità) di come vengono utilizzate le risorse pubbliche a disposizione del Comune, di come viene gestita la città e delle scelte compiute da parte degli Amministratori comunali.

Le principali spese di investimento possono essere sintetizzate in alcuni principi guida:

  • manutenzione del patrimonio, ovvero interventi di manutenzione straordinaria degli immobili di proprietà comunale utilizzati dai cittadini (luoghi della cultura e delle funzioni pubbliche, patrimonio sportivo, edifici scolastici, viabilità)
  • mobilità sostenibile, ovvero investimenti per realizzare percorsi ciclopedonali e dare la possibilità alle persone di muoversi in modo sostenibile nei piccoli spostamenti urbani
  • ambiente, ovvero gestione del verde e delle alberature, implementazione, cura e gestione del patrimonio vegetale, controllo del corretto conferimento dei rifiuti e contrasto al loro abbandono
  • recupero degli immobili lesionati dal sisma.
Chiara Lanzoni

“Ritengo importante sottolineare – precisa l’assessore Lanzoni che è stato destinato agli investimenti l’intero incasso degli oneri di urbanizzazione, o entrate assimilabili, per una cifra che supera i € 2.200.000. Nessuna parte di questo incasso è stata destinata a spesa corrente e questo è senza dubbio un elemento di virtuosità del nostro bilancio. Nel 2020 abbiamo appaltato lavori per circa 3 milioni di euro e come spese per investimento abbiamo utilizzato anche finanziamenti regionali e statali, dimostrando sul campo una grande capacità progettuale nel reperire risorse esterne senza gravare sul bilancio comunale. Per quanto riguarda i danni del terremoto, siamo recentemente usciti dal ‘cratere’, ossia l’area colpita dal sisma del 2012, come stabilito dall’Ordinanza del 17 marzo 2021 firmata dal presidente della regione Emilia-Romagna e commissario delegato per la ricostruzione Stefano Bonaccini. Oggi rimangono nel cratere solo 15 comuni dei 60 iniziali. Questo è un dato certamente positivo, perché vuol dire che si è realizzato e portato a compimento quanto avviato nel 2014 quando la nostra Amministrazione ha iniziato a lavorare. Rimangono da completare nel corso di quest’anno il circolo San Girolamo, Palazzo Frattini, Ex Ospedale Civile ed Ex chiesa di San Carlo”.

“La macchina amministrativa – conclude Lanzoni – pur nelle difficoltà oggettive legate alla pandemia che ha caratterizzato tutto il 2020, non si è mai fermata. Colgo l’occasione per ringraziare per il lavoro svolto i colleghi della giunta, il sindaco, i consiglieri, i funzionari, il segretario generale, tutto il personale dipendente, nessuno escluso”.