Nella giornata di oggi 11 giugno, alcuni mezzi speciali, attrezzati con celle frigorifere, hanno preso in carico le scatole contenenti 8.500 dosi complessive del vaccino Jenssen (Johnson&Johnson) per raggiungere le loro destinazioni finali presso le seguenti sedi di ricezione e conservazione dei quantitativi previsti: Aou Parma Ospedale Maggiore (1.200); Ausl/Irccs Santa Maria Nuova Reggio Emilia (1.400); Ausl/Aou Modena (1.800); Ausl Imola Ospedale Civile Vecchio (400); Magazzino unico Ausl Romagna di Pievesestina (2.800) e Ausl Ferrara Ospedale del Delta di Lagosanto (900).

Nella giornata di domenica 13 giugno si provvederà alla consegna presso le stesse sedi di 18.700 dosi di Moderna: 2.600 a Parma, 3.000 a Reggio Emilia, 4.000 a Modena, 700 a Imola, 6.500 a Pievesestina (FC) e 1.900 a Lagosanto (FE).

«Sono particolarmente orgoglioso della nostra collaborazione con l’Esercito Italiano nell’ambito del   piano di somministrazione nazionale dei vaccini». Lo afferma Matteo Del Fante, AD e Direttore Generale di Poste Italiane, sottolineando il ruolo del gruppo in questa fase difficile. «Mentre continuiamo ad avanzare rispetto ai nostri obiettivi strategici, crescendo in aree chiave e accelerando la nostra trasformazione digitale, siamo anche consapevoli – aggiunge -  del fatto che il nostro successo non è soltanto misurato dalla performance finanziaria, ma anche da come agiamo in modo responsabile al servizio del Paese».