La Procura di Reggio Emilia ha avviato la richiesta di rogatoria internazionale per il ritorno in Italia dei genitori di Saman accusati entrambi insieme a due cugini e allo zio dell’omicidio della ragazza. Un’azione in base alla quale a questo punto ci si muoverà anche su altri piani con il coinvolgimento dell’Interpol, del Governo italiano, della collaborazione del Pakistan e della polizia pakistana.

Intanto le ricerche del corpo di Saman non subiscono battute d’arresto. Sono state avviate proprio ieri mattina a Novellara le ricerche del corpo con l’ausilio dei cani della polizia tedesca. Al lavoro anche due archeologi specializzati nell’analisi del terreno. In contemporanea, ma in zona distante, in azione anche i cani molecolari del nucleo cinofili dei carabinieri di Bologna.