Foto Unimore

REGGIO EMILIA – In occasione della Settimana Europea della Mobilità Sostenibile a Reggio Emilia, che si tiene dal 16 al 22 settembre, proprio nella culla della Motor Valley, verrà presentato al pubblico il Progetto Pilota “Ride To Autonomy”, che vede Unimore come unico partner italiano del consorzio internazionale che lo ha messo a punto ed è risultato beneficiario dei finanziamenti europei.

L’obiettivo è quello di testare per un periodo di circa 2 mesi a Reggio Emilia un servizio di mobilità orientato al pendolarismo urbano, su strada pubblica, con il veicolo “Olli”, una navetta da 8 posti a guida autonoma, costruita dagli americani di Local Motors, lungo un percorso che collega due punti simbolici del territorio: la Stazione AV Mediopadana, realizzata dall’Architetto Santiago Calatrava e il Campus Max Mara, opera di John McAslan.

Il Progetto pilota nasce nel contesto del Programma di Lavoro Europeo 2020 “Communications Networks, Content and Technology” e vede, insieme al Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari di Unimore, la partecipazione dell’Amministrazione Comunale di Reggio Emilia, di Local Motors, Max Mara Fashion Group, Reale Group e Unindustria.

I risultati della ricerca contribuiranno allo sviluppo di soluzioni di mobilità smart e green, abilitate da nuove tecnologie informatiche per un modello di trasporto intermodale, autonomo, inclusivo e sostenibile.

Ride 2 Autonomy verrà presentato martedì 21 settembre nell’ambito di una Tavola rotonda, che si terrà dalle ore 18.00 alle 19.00 nella Sala Rossa del Municipio di Reggio Emilia, con l’esposizione pubblica del veicolo, dalle 16.00 alle 20.00, in Piazza Prampolini. Per partecipare all’iniziativa è necessario prenotarsi su https://bit.ly/3DXehWj .
(L’iniziativa è gratuita e l’accesso è consentito, nel rispetto della vigente normativa Covid-19, con Certificato Verde).

Olli è dotato di sensori, in grado di intercettare pedoni ed ostacoli intorno al veicolo, di sistemi radar, di una videocamera ottica e di due antenne Gps. Il mezzo pesa complessivamente 20 quintali, ha una capacità di carico fino a 907 chili e un telaio interamente stampato in 3D con polimeri compositi e alluminio.