Foto Tim Bish on Unsplash

Paura nella notte a Casina dove un’intera famiglia, padre madre e figlioletta è rimasta intossicata dal monossido di carbonio sprigionatosi da una stufa a legna. La preoccupazione maggiore proprio per la donna e la figlia di un anno che, una volta soccorse dai sanitari, sono state trasferite prima nella camera iperbarica di Fidenza e poi, finita la terapia, e scongiurato il pericolo, sono state portate all’ospedale di Castelnovo Monti.

Il padre invece è stato portato direttamente all’ospedale di Reggio per accertamenti. La sfiorata tragedia si è registrata intorno alle 3 della notte quando appunto, dall’abitazione in via della Libertà a Casina è scattato l’allarme. Sul posto oltre al personale del 118 anche i vigili del fuoco che hanno lavorato fino alle 5 del mattino per la messa in sicurezza dello stabile e gli accertamenti sull’origine della presenza di monossido di carbonio negli ambienti. Accertamenti anche da parte dei carabinieri di Casina