Foto dal video realizzato all’Oratorio di San Genesio di Fabbrico

Il patrimonio culturale di Fabbrico valorizzato attraverso azioni danzanti di persone con disabilità. E’ questo il motivo che ha portato a un progetto che rappresenta pure un sogno che unisce l’arte della danza, inclusività e valorizzazione del patrimonio. Il progetto, a cui ha collaborato l’assessore comunale, Elisabetta Pozzetti, è stato realizzato in collaborazione con AltrArte Danza Teatro. Con un video, ambientato all’Oratorio di San Genesio, un’area di pregio ambientale, storico e artistico, situata poco fuori il centro abitato di Fabbrico, si è cercato di mettere in evidenza uno dei luoghi storici del territorio locale. Il sito ha origini antichissime, la chiesa invece, nella sua ultima ristrutturazione, risale al 18.mo secolo.

Altri momenti di danza, con AltrArte e le coreografie curate da Rita Croce, sono stati realizzati al palasport di Fabbrico, alla scuola Buonarroti, alla Chiesa Santa Maria Assunta e al Parco Bigi, tutti luoghi che in qualche modo simboleggiano la realtà di Fabbrico, il territorio, le tradizioni e la sua gente. L’iniziativa è stata proposta in occasione della Giornata internazionale delle persone con disabilità. Al progetto hanno collaborato pure Matteo Carnevali e Giovanni Fava.

AltrArte Teatro Danza è una associazione nata a Correggio nel 2007, aprendo i laboratori permanenti di danza e teatro rivolti alle diverse abilità, coinvolgendo bambini, ragazzi e adulti diversamente abili. Destinatari delle iniziative dell’associazione sono gli allievi, gli spettatori e gli operatori del settore.

Il video realizzato all’Oratorio di San Genesio di Fabbrico