La rimozione del treno merci deragliato

Pur se con un rallentamento della velocità ai 10 chilometri all’ora per un tratto di circa 800 metri, dalla prima mattinata sono riprese le corse ferroviarie con treno sull’intera tratta fra Suzzara-Guastalla-Parma, dopo che venerdì sera un tratto di linea, a Suzzara di Mantova, era rimasto danneggiato dalla fuoriuscita dai binari della ruota di un treno merci diretto al terminal guastallese di San Giacomo.

Per alcuni giorni le corse si sono svolte con autobus da Suzzara a Guastalla, proseguendo poi con treno fino a Parma e viceversa. E’ poi in corso un piano di soppressioni per emergenza Covid. Sulla Parma-Suzzara per tutta la settimana vengono soppressi e autosostituiti i treni 90328, 90333, 90338. Gli orari restano invariati. Chiaramente resta il disagio in caso di elevato numero di passeggeri, con un bus che non può certo accogliere lo stesso numero di utenti come accade invece su un treno, con maggiore sicurezza e distanziamento.

Intanto, sul deragliamento del treno di venerdì sera la società Fer ha avviato degli accertamenti per capire se la causa è da ricercare in problemi alla massicciata oppure se da problemi al vagone utilizzato per il trasporto merci. In tempi molto rapidi la linea è stata ripristinata, anche se saranno necessari ulteriori interventi per un totale ripristino della linea.