REGGIO EMILIA – Open day dedicato alla popolazione scolastica di tutta la provincia 5-19 anni, domenica 16 gennaio al Centro vaccinale della tensostruttura IREN in Piazza della Vittoria a Reggio Emilia.

La prima parte della giornata, dalle 9.00 alle 15.00, sarà dedicata alla vaccinazione dei bambini dai 5 agli 11 anni, con 300 prime dosi a disposizione. Il vaccino utilizzato sarà Pfizer pediatrico e i bambini dovranno essere accompagnati da un genitore che dovrà dichiarare di avere acquisito il consenso anche dell’altro genitore o da un tutore legale. Non è necessaria alcuna prenotazione, la compilazione dei moduli sarà fatta sul posto, subito prima della vaccinazione. L’appuntamento per la seconda dose arriverà poi via sms.

Il pomeriggio, dalle 15.00 alle 19.00 (ultimo accesso ore 18.30) sarà dedicato alle 200 dosi, tra prime e terze, per la popolazione 12-19 anni, utilizzando sempre la modalità di distribuzione dei biglietti numerati in ordine di arrivo, che inizierà alle ore 14.30. Anche i ragazzi di età compresa tra i 12 e i 17 anni dovranno essere accompagnati da un genitore che dovrà dichiarare di avere acquisito il consenso anche dell’altro genitore o da un tutore legale, mentre i 18-19enni dovranno semplicemente presentare un documento di identità e tessera sanitaria.

Per la classe di età 12-19 anni sarà possibile ricevere sia la prima che la terza dose. La somministrazione della terza dose potrà essere effettuata soltanto se saranno trascorsi almeno 120 giorni dalla somministrazione della seconda dose (per vaccino Pfizer o Moderna) o dal vaccino monodose Johnson& Johnson.  Non è necessaria alcuna prenotazione, la compilazione dei moduli sarà fatta sul posto, subito prima della vaccinazione e, per entrambe le categorie, sono necessari tessera sanitaria e documento d’identità

Complessivamente in Emilia-Romagna nella fascia 5-19 sono 323.366 le persone ad avere ricevuto a questa mattina almeno una dose di vaccino, il 53,3% del totale: una media tra l’85% degli over 12, per cui le prenotazioni si sono aperte a giugno, e il 15% di chi ha meno di 12 anni, categoria che ha visto le somministrazioni iniziare meno di un mese fa, il 16 dicembre. Peraltro, proprio in Emilia-Romagna la percentuale dei loro “fratelli maggiori” (i ragazzi tra i 20 e i 29 anni) raggiunge le percentuali record di vaccinati del 96,6% (prima dose) e del 93,1% (seconda dose): un dato estremamente rilevante che può fare ben sperare anche per I giovanissimi.

Tutti le informazioni sono a disposizione sul sito http://vaccinocovid.regione.emilia-romagna.it