La riduzione dei medici di famiglia da quattro a tre, sul territorio di Brescello, sembra provocare disagi a numerosi cittadini. La situazione, che dura da alcuni mesi, risulta aver aumentato le criticità di un importante servizio, con cittadini che lamentano difficoltà anche nei contatti telefonici con i medici di base, oltre ad aumento dei tempi per appuntamenti e visite a domicilio.

Casa della Salute di Brescello

Con una lettera inviata alla direzione del distretto sanitario guastallese, di cui Brescello fa parte, lo Spi-Cgil e Auser hanno chiesto l’immediato ripristino dei medici di famiglia, ovvero quattro figure professionali, necessari per garantire l’essenziale servizio per le famiglie. In particolare, si vuole tutelare la fascia più debole della popolazione, che più di altre subisce conseguenze negativa da questa situazione. Numerose le lamentele che risultano arrivare alle associazioni dei pensionati, in particolare attraverso l’Auser e il sindacato di categoria. Si chiede dunque un ripristino a quattro medici di base per il territorio, che conta 5600 abitanti.