Dal punto di vista politico la sentenza del Consiglio di Stato che conferma la legittimità dell’iter amministrativo a seguito per il completamento in più stralci dell’ultimo tratto della tangenziale di Novellara trova d’accordo tutte le parti politiche ma si litiga sui commenti seguiti a questa sentenza.

Cristina Fantinati

Di fronte alle dichiarazioni, soprattutto sul web, del sindaco Elena Carletti e di alcuni cittadini, il capogruppo di minoranza Cristina Fantinati reagisce segnalando come sia pretestuoso, a suo parere, dare colpa ai cosidetti oppositori della tangenziale visto che negli anni sono state diverse le sentenze giudiziarie che hanno dato torto a Comune e Provincia sanzionando irregolarità amministrative talmente insanabili che hanno comportato addirittura l’annullamento del POC della tangenziale rendendo necessaria una sua riprogrammazione da zero. Queste sentenze, dice la Fantinati, hanno messo gli amministratori novellaresi di fronte alle loro responsabilità e i loro errori hanno causato un clima di esasperazione tra la cittadinanza e aggiunge come il progetto della strada risalga al 2003 è che dopo 19 anni non è ancora stato ultimato. Senza gli enormi errori commessi in passato dagli enti pubblici coinvolti, conclude la Fantinati, la tangenziale sarebbe già concluso da tempo, come è successo in tutti gli altri paesi del Reggiano che già da tempo godono di arterie stradali di grane scorrimento e che hanno liberato i loro centri abitati dal traffico e dallo smog.