di Nicola Zinelli

La Reggiana termina la stagione con una meritata vittoria ma che lascia l’amaro in bocca: infatti anche il Modena ha vinto, questa volta senza rigori, e viene promosso in serie B. I ragazzi di Diana la promozione dovrá passare dai playoff, con tutte le incognite del caso. Commentare questa partita ha poco senso: Cigarini e compagni hanno svolto il compito ma non è bastato. La Reggiana ha dimostrato la sua superiorità creando occasioni da rete e concedendo poco ai padroni di casa. Ora tutto l’ambiente dovrà stringersi attorno alla squadra granata e sostenerla. Vincere i playoff per questa squadra non è impossibile ma non aspettiamoci una passeggiata.

Per l’ultima partita di campionato, mister Diana deve fare a meno del lungodegente Laezza e di Rozzio che ne avrà per 3 settimane a causa di un problema muscolare. La formazione iniziale vede Venturi in porta; Luciani, Cremonesi e Cauz in difesa; a centrocampo Libutti, Rossi, Cigarini, Sciaudone e Contessa; in attacco Zamparo e Rosafio

Primo tempo di marca granata. Reggiana che parte determinata alla ricerca del gol. I ragazzi di Diana vanno vicini al vantaggio con Zamparo, ma il centravanti granata, dopo che dentro l’area piccola ha controllato la sfera e si è girato, colpisce il palo dopo con un tiro potentissimo (7° minuto)
Cigarini e compagni lasciano poco spazio ai padroni di casa ma non riescono ad essere molto pericolosi. Al minuto 18 ci prova Sciaudone con un tiro che termina fuori. Un minuto dopo è ancora il centrocampista granata che da dentro l’area calcia la sfera che viene ribattuta da Cauz, ma il difensore è in furorigioco. Al 22° sugli sviluppi di un corner,  Rosafio crossa, la palla arriva a Luciani che, dal limite dell’area, lascia partire un tiro che termina fuori di pochissimo.
Il Teramo si vede in avanti al 39° con un tiro di Iacoponi bloccato da Venturi.
Ma è ancora la Reggiana a provarci al 42° con Rosafio che crossa e Zamparo ci arriva di testa.ma il pallone termina di poco fuori. Finalmente e con merito al 43° la Reggiana passa in vantaggio. Cigarini recupera la sfera a centrocampo, la passa a Sciaudone che apre sulla destra per Libutti, sul cross del difensore si tuffa Cigarini che batte Perucchini. È ancora Cigarini a provarci al 45° con un tiro di destro da fuori area ma la palla termina alta sopra la traversa.

Nel secondo tempo la Reggiana parte alla ricerca del gol del raddoppio e già al 46° ci va vicino. Cigarini batte una punizione per Zamparo che di testa impegna Perucchini che devia in corner. Dopo 1 minuto Rosafio crossa per Cremonesi che di testa colpisce a botta sicura ma Perucchini salva con un grande intervento. I ragazzi di Diana mantengono il possesso palla. Al 55° percussione di Sciaudone che, arrivato al limite dell’area, deve liberarsi della marcatura e alla fine tira di destro, che non è il suo piede, e la palla termina fuori. Dopo 2 minuti grande pericolo per la porta della Reggiana. Infatti su un pallone messo in mezzo dalla destra, nessun difensore interviene e D’Andrea colpisce il palo e la sfera finisce tra le braccia di Venturi. Suk capovolgimento di fronte, Cauz lancia in contropiede Rosafio che con un pallonetto scavalca Perucchini in uscita e firma il raddoppio. Raggiunto il doppio vantaggio, la Reggiana amministra la partita. Al 77° tiro di Radrezza che termina abbondantemente fuori. Dopo 2 minuti contropiede granata concluso da Zamparo con un tiro che termina fuori dallo specchio della porta. La partita si avvicina al fischio finale senza emozioni. L’ultimo sussulto lo regala al 94° Furlan con un colpo di testa che termina di poco sopra la traversa.
Termina la partita ma non la stagione: la Reggiana è chiamata alla post season e avrà l’arduo compito di fare do tutto per ottenere la promozione in serie B.

Forza Reggiana!