REGGIO EMILIA – Grazie a un inserzione esca pubblicata su Facebook, dove ha posto in vendita un biglietto per una partita valida per il campionato di serie A della Juventus, un 37enne dalla provincia leccese ha trattato la vendita grazie a un’utenza telefonica dove intavolare la trattativa e una carta ricaricabile dove ricevere i soldi.

Le trattative anche su WhatsApp e quando sulla carta prepagata è arrivato il corrispettivo richiesto il gioco era fatto. Il 37enne residente nella provincia di Lecce identificato grazie alle indagini telematiche dei carabinieri della stazione di Quattro Castella è stato quindi denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Reggio Emilia quale presunto autore del reato di truffa. Il procedimento, in fase di indagini preliminari, proseguirà per i consueti approfondimenti investigativi al fine di consentire al Giudice di verificare l’eventuale piena responsabilità dell’indagato. 

La vittima, un 50enne operaio abitante nel comune di Quattro Castella, lo scorso mese di Marzo, intenzionato a partecipare alla partita valida per il campionato di serie A tra la Juventus e l’Inter, ha risposto ad un annuncio trovato su marketplace trattante la vendita del ticket a 110 euro. Dopo aver concordato modalità di pagamento e spedizione del biglietto la vittima come concordato ha provveduto al pagamento del corrispettivo dovuto. Con il passare del tempo non vedendosi recapitare il biglietto e dopo non essere riuscito a contattare il venditore, ha capito di essere rimasto vittima di una truffa si è presentato ai carabinieri della stazione di Quattro Castella formalizzando la denuncia.