Non sono mancate tensione e preoccupazione, in una abitazione di Reggiolo, per un bambino di appena 14 mesi che, approfittando probabilmente di un rarissimo momento di disattenzione dei genitori, è riuscito ad afferrare un boccetto di acetone, portandolo alla bocca, forse convinto che fosse qualcosa di buono da bere. Ma era acetone, sostanza in grado di provocare effetti nocivi, soprattutto in un bimbo così piccolo. Molto probabilmente è stata ingerita una minima quantità di sostanza, pur se non ha fatto in tempo a sorseggiarne un’ulteriore dose, con i familiari che sono subito intervenuti per fermarlo. Gli effetti dell’acetone e del suo odore si sono manifestati sul bambino, tanto da mobilitare i soccorsi sanitari. Pochi minuti dopo, l’altra sera, all’abitazione di Reggiolo, teatro dei fatti, sono arrivati gli operatori della Croce rossa locale. Durante il trasporto a loro si è aggiunto pure il personale dell’automedica di Guastalla e, insieme, hanno proseguito il viaggio verso il Santa Maria Nuova di Reggio. Il piccolo paziente è apparso in condizioni stabili, per fortuna non in pericolo di vita.