di Alessia Marconi

Foto Pallacanestro Reggiana

La Unahotels aggredisce la partita aprendo con una tripla di Larson e un recupero di Hopkins che serve un assist a Strautins per la schiacciata che vale il 5-0 iniziale. Arriva la risposta di Milano che mette pressione agli uomini di Caja. La Pallacanestro Reggiana commette diverse ingenuità sotto canestro, facilitando gli avversari nel recupero. Nel giro di poco meno di 4 minuti Larson commette due falli, il secondo su un tiro da tre di Rodriguez che realizza un 3/3 dalla lunetta (5-9). Larson commette dopo pochi minuti il terzo fallo, costringendo Caja a sostituirlo con Thompson. L’Armani allunga 7-13, Reggio prova a rimanere attaccata con due liberi proprio di Thompson, vanificati poi dall’allungo dei meneghini 9-16. Justin Johnson abbatte la difesa Milanese regalando due punti ai suoi, aiutato da Cinciarini che prova dalla lunga distanza e poi da sotto canestro. Il primo quarto si chiude 13-21 in favore dell’Armani Exchange.

Coach Caja – Foto Pallacanestro Reggiana

Si riprende con una rimessa per Milano che rischia una palla persa sotto canestro ma va poi a segno con Shields. La Unahotels attacca il ferro con Johnson che viene stoppato, un rocambolesco recupero porta Crawford a subire un brutto fallo a metà campo che regala la rimessa ai suoi ma di nuovo la Unahotels spreca due occasioni con due palle perse consecutive. Milano si porta sul 13-27 con due liberi di Biligha, ma la Unahotels non riesce a fare canestro e regala un nuovo possesso agli avversari che vanno a subire di nuovo fallo, portando a casa un altro 2/2 dalla lunetta. Reggio si sblocca con una tripla di Cinciarini (16-29), ma sembra non bastare contro Datome e i suoi. Strautins rientra dopo diversi minuti e piazza il canestro del 18-31, ma andando poi a commettere due ingenuità che regalano nuovi possessi all’Armani. Larson piazza una bomba al suo rientro che sposta il punteggio su 21-35, Milano però risponde subito con Hall. Reggio non molla mai, ma commette diverse ingenuità in difesa consentendo agli avversari l’allungo sul 23-41. La Unahotels fatica a trovare il canestro, ci prova Baldi Rossi con l’appoggio del 25-41. Lo stesso n°8 reggiano va poi a subire fallo realizzando un 2/2 ai liberi. Il secondo quarto termina 27-43.

Foto Pallacanestro Reggiana

Il terzo quarto si apre con una tripla di Milano e un tiro da due di Larson, ma l’Olimpia non sembra cedere terreno dalla lunga distanza. Reggio soffre sul 30-52, ci prova Strautins andando a subire fallo sul tiro, prendendosi due liberi (1 su 2). Dopo un fallo tecnico fischiato alla panchina di Milano, Strautins subisce un fallo su tiro da tre punti andando a realizzare un 3/3 dalla lunetta. Reggio pressa in difesa ma Rodriguez è immarcabile, il risultato si sposta sul 34-55. Di nuovo è Strautins ad andare in lunetta sbagliando il secondo tiro libero, ma dopo due possessi è proprio il lituano a segnare per la Unahotels (37-57). Biligha è incontenibile dalla lunga distanza e sotto canestro, Reggio non accenna a mollare ma i troppi errori in fase di realizzazione iniziano a farsi sentire. Baldi Rossi commette un antisportivo ai danni di Grant, che realizza un tiro libero e regala possesso ai suoi e realizza dalla lunga distanza (39-70). Risponde Baldi Rossi con due punti, chiudendo così il terzo quarto 41-70.

Foto Pallacanestro Reggiana

Si riprende con una tripla di Larson che prova a tenere i suoi attaccati alla partita, ma Milano non si ferma, ogni possesso è una realizzazione. Caja chiama time-out sul 44-77, al rientro Baldi Rossi segna due punti su appoggio a canestro. Risponde l’Armani con Baldasso da tre punti. La Uanhotels è di nuovo in attacco e si prende due punti con Thompson. Il tempo sul cronometro vola via, il punteggio è 48-80 a 5 minuti e 20 secondi dalla fine. Reggio è allo stremo, Baldi Rossi fallisce il tentativo di realizzazione in contropiede e Caja chiama nuovamente time-out. Il pubblico presente all’Unipol Arena saluta Leonardo Candi, ai saluti con la Pallacanestro Reggiana dopo cinque anni. Ricci segna una tripla per i suoi, la Unahotels ci riprova con Cinciarini che realizza da tre, contro il tempo che scorre inesorabile. Per Reggio segna ancora Johnson portando il punteggio sul 54-85. Cinciarini esce dal campo a un minuto dalla fine con una standing ovation dell’Unipol Arena, che dedica un lungo applauso ai biancorossi al termine di una stagione straordinaria che li ha visti realizzare più di un sogno. A Bologna finisce 59-89 per l’Armani Exchange Milano.