Un messaggio sul telefonino, apparentemente in arrivo da Poste Italiane, segnalava movimenti sospetti sul conto online, invitando la cliente, una donna di 44 anni residente a Boretto, a cliccare su un link per poter risolvere la questione. Ma era la trappola di un truffatore, che ha approfittato della buona fede della donna per svuotarle in parte il conto. Si tratta dello “smishing”, che consiste in invio di messaggi sul cellulare per tentare di ottenere i dati sensibili del conti correnti altrui.

Dopo il messaggio è arrivata la telefonata di un falso operatore delle Poste, che proponeva il trasferimento del denaro in altro conto. Ma in questo modo il truffatore è riuscito a farsi effettuare un bonifico di 3500 euro, finiti sulla PostePay dell’autore del raggiro. La donna ha raccontato l’accaduto ai carabinieri della caserma di Boretto, facendo avviare le indagini. Gli approfondimenti investigativi hanno portato al presunto truffatore, identificato in un 45enne napoletano ora denunciato alla Procura reggiana.