Bambini, giovani, anziani, sono le tre fasce d’età a cui si riferisce la seconda edizione della classifica stilata dal Sole 24 Ore, presentata in anteprima al Festival dell’Economia di Trento.

La ricerca, che si basa su 12 parametri statistici forniti da fonti certificate (Istat, Miur, Centro studi Tagliacarne, Iqvia), vede in vetta Aosta per i bambini – mentre l’ultima posizione è occupata da Napoli, preceduta da Reggio Calabria, Palermo, Matera e Caltanissetta – Piacenza per i giovani e Cagliari per gli anziani.

Confermati 31 indicatori su 36 tra quelli selezionati lo scorso anno per documentare servizi e condizioni di vita. Come new entry debuttano la percentuale di edifici scolastici con mensa tra i 12 parametri che compongono la classifica dei bambini; le imprese che fanno ecommerce tra quelli per i giovani; la presenza di medici specialisti, la dipendenza rispetto alla popolazione in età attiva e i farmaci anti-depressivi tra quelli per gli anziani.

L’unica provincia che conquista un posto in tutte le tre top ten è Trento, seguita da Parma che resta sempre tra le prime quindici. 

I dati della provincia di Reggio Emilia

Bambini: dal 23° al 53° posto

I dati raccolti dal Sole 24 Ore raccontano la qualità della vita dei più piccoli su base territoriale attraverso 12 indicatori che misurano aspetti che ne influenzano la vita.

Per quanto riguarda la qualità della vita dei bambini, Reggio perde 30 posizioni: dal 23° posto del 2021, si piazza al 53° posto quest’anno. Con un punteggio totale di 396.4 che tiene conto di vari indicatori tra cui spicca un 7° posto per i posti autorizzati negli asili nido, e un fanalino di coda (97° posto) per gli edifici scolastici con la palestra in percentuale sul totale.

Giovani: dal 48° al 73° posto

Se nel 2021 Reggio Emilia era posizionata al 48° posto, nel 2022 scivola a una 73ª posizione, anche per quanto riguarda i giovani, di molto sotto la media nazionale. Tra i dati più negativi (96° posto) il gap tra gli affitti del centro e quelli della periferia. 30° posto per l’età media al parto, 63° posto per il numero di bar e discoteche.

Anziani: 58° posto

Dal 53° posto del 2021, anche nella classifica che riguarda la qualità di vita degli anziani, Reggio perde 5 posizioni e si piazza al 58° posto. Da segnalare il 90° posto come assistenza domiciliare, il 95° come numero di infermieri ogni 100mila abitanti, e il 78° posto come trasporti anziani e disabili. In positivo da sottolineare il 20° posto come speranza di vita a 65 anni.