Quattro giorni di eventi per il Brescello Film Festival, nei settant’anni dall’uscita nei cinema del primo film girato in paese con protagonisti Peppone e don Camillo. Un festival al via domani con un particolare ricordo al suo fondatore, Virginio Dall’Aglio, recentemente scomparso. A lui è dedicata la proiezione di un omaggio che raccoglie il meglio del suo lungo percorso dentro al “mondo piccolo cinematografico”. Atteso come ospite Saverio Costanzo, tra coloro che hanno diretto la serie tv “L’Amica Geniale”.

Venerdì sera un omaggio a Monica Vitti con il film “Teresa la ladra”, dalle 19 si cena in piazza con la Pro loco e alle 21 il docufilm “Io sul set con don Camillo” di Ezio Aldoni e Andrea Setti. Sabato dalle 10 la proiezione di “Movie-Mento”, alle 11 inaugurazione del Giardino delle letture “Andrea Camilleri” all’ex Genio Civile, alle 18 il film “La visita” di Antonio Pietrangeli, dalle 19 cena in piazza, alle 21,15 il film Radiofreccia di Luciano Ligague, girato nel 1998. Domenica alle 10,30 il docufilm “Il mondo di Luigi Ghirri”, alle 18 un omaggio a Lina Wertmuller, dalle 19 si cena in piazza, alle 21 chiusura del festival con il film “Si muore solo da vivi” di Alberto Rizzi, con la presenza del regista e dell’attore Andrea Gherpelli.