La conferenza stampa di presentazione

Il festival Libr’Aria per piccoli lettori all’aria aperta tornerà in grande stile anche in questo 2022 ad Albinea, dal 26 al 28 agosto. La manifestazione è stata presentata questa mattina dal sindaco di Albinea Nico Giberti e da Eros Miari della cooperativa Equilibri, alla presenza di Adriano Bertolini di Aib, di Elisa Camorani, Giancarlo Maselli e Marcello Gusso: parenti e colleghi dell’Ingegnere albinetano Fabio Camorani, scomparso a soli 56 anni nel luglio del 2021. Gli amici e la famiglia hanno sostenuto il Festival in memoria dell’amico attraverso una donazione. Inoltre, all’interno della Biblioteca Pablo Neruda, verrà allestito uno scaffale con un fondo di libri tecnici, donati dalla famiglia di Camorani, che il Comune arricchirà anno per anno

IL PROGRAMMA

Quest’anno particolarmente caldo, fortunatamente Libr’Aria porterà la neve. La porterà sabato 27 agosto, nell’incontro pomeridiano (h. 16,30) con Daniele Zovi, autore di Autobiografia della neve, un libro venerato dal pubblico degli adulti, ma molto utilizzato anche nel mondo della scuola.

Non serviranno guanti e passamontagna per ascoltare il racconto con cui Daniele intreccia la sua memoria delle grandi nevicate e degli inverni rigidi della sua infanzia nelle Dolomiti, con l’attualità drammatica della siccità, dei ghiacciai che si sciolgono e delle tragedie più recenti, come quella della Marmolada. Insomma, un pomeriggio per riflettere sul nostro presente, ma anche per ascoltare le narrazioni avvolgenti di Daniele Zovi, scrittore e divulgatore, esperto e appassionato di boschi e foreste, collaboratore del National Geographic e più volte ospite di trasmissioni televisive come Geo e La fabbrica del mondo, con Marco Paolini e Telmo Pievani.

E per chi non si accontenterà della neve ci saranno le storie naturalistiche di Zovi, che torneranno a Libr’Aria anche nella mattinata di domenica 28, quando i protagonisti diventeranno alberi sapienti dei boschi e delle foreste e animali selvatici. Ci sarà anche una storia dedicata ai frassini del Parco dei Frassini, che ospiterà l’incontro.

Dagli alberi di Zovi ai tanti alberi che attraversano la 14esima edizione di questo festival dall’anima sempre più verde. Valeria Cigliola ed Elisabetta Morosini al tema degli alberi e dei loro diritti hanno dedicato il libro che presenteranno a Libr’aria la mattina di sabato 27: La Costituzione degli alberi, edito da Sinnos. Valeria ed Elisabetta sono magistrate e hanno già collaborato per BILL – la biblioteca della legalità, un progetto coordinato da IBBY Italia, e poi per la realizzazione del volume La Costituzione in tasca. Il loro scopo è raccontare ai bambini e alle bambine, alle ragazze e ai ragazzi e alle loro famiglie le diverse facce che possono avere la legalità, la legge, i diritti di tutti… anche degli alberi. Insieme alle autrici, sarà ospite anche Della Passarelli, editrice del libro, che nel pomeriggio dello stesso giorno condurrà il laboratorio Articolo 1: Libr’aria è una festa fondata sugli alberi, dove ragazze e ragazzi sono invitati a scrivere in prima persona gli articoli di una vera e propria “Costituzione del Parco dei Frassini”.

A costruire un albero (con tutti i suoi diritti) ci pensa poi Andrea Antinori, autore e illustratore bolognese, che nel laboratorio L’arancio, ispirato al libro omonimo, inviterà i bambini e le bambine a dare vita con forbici e carta a un gigantesco albero di agrumi. Anche il suo laboratorio è in programma nella mattina di sabato 27 e sarà replicato nel pomeriggio, ma con un cambio di soggetto: dagli alberi agli animali, con un appuntamento dedicato a Un levriero ben nascosto, un libro divertentissimo dedicato a questo cane timidissimo.

Altri laboratori, altri animali: quelli con l’orso di Minibombo, presente anche quest’anno con il ritorno attesissimo di Silvia Borando, fondatrice della prestigiosa casa editrice reggiana. Se incontrassi un orso è il titolo tanto del libro che dei laboratori che Silvia condurrà con i più piccini (3-6 anni) nel pomeriggio di venerdì 26.

Domenica, invece, i bambini e le bambine potranno prendere parte agli incontri a laboratorio per disegnare insieme ad Eva Montanari. Anche per Eva si tratta di un ritorno graditissimo a Libr’Aria: questa volta sarà al Parco dei Frassini con le sue ultime produzioni: Piccolo Coccodrillo (al mattino) e l’orsetto di Papà, guarda! (nel pomeriggio).

Niente animali, ma tanto divertimento e anche un po’ di paure (da superare) nel laboratorio con Giuseppe Vitale, illustratore reggiano e new entry per il festival di Albinea. Manifesti è il titolo che ha voluto per il suo incontro, che si terrà nella giornata di sabato 27 e sarà dedicato ai bambini e alle bambine da 4 a 6 anni.

E per finire con i laboratori ecco irrompere la scienza e la tecnologia. Tra scienza, divulgazione ed editoria scientifica si muoverà Luca Malagoli, che aprirà la mattina di sabato 27 con L’altra biblioteca, un laboratorio che sarà soprattutto un gioco, tra domande, quiz e cacce al tesoro. Questo laboratorio è dedicato all’ingegnere Fabio Camorani, che alla scienza voleva bene!

Sempre sabato, ma al pomeriggio, ecco arrivare Ammagamma con il suo laboratorio dedicato al Bestiario di intelligenza artificiale, un libro e un incontro di gioco per visualizzare, raccontare e rendere divertente, bello e comprensibile il mondo della tecnologia più avanzata. 

Nel festival, oltre ai laboratori, i libri saranno presentati, discussi e narrati. Tra le presentazioni spicca quella di venerdì 26 con Fabrizio Altieri, autore toscano affermatissimo, che racconterà con verve umoristica e con passione due storie a sfondo animalista: La balena in scatola e Laika delle stelle, in cui si mescolano l’amore per gli animali, il coraggio dei giovani protagonisti e il loro anelito per la giustizia e la difesa dei più deboli.

Una storia di coraggio e di eroi e di viaggi ai confini dell’impossibile sarà quella presentata da Annamaria Gozzi, nel pomeriggio di domenica 28. Autrice “di casa” a Libr’Aria, Annamaria presenterà Gilgamesh, il più antico poema epico conosciuto nella storia dell’umanità. Ovviamente la versione di Annamaria (illustrata da Andrea Antinori e pubblicata da Topipittori) è una versione speciale, una sorta di leggenda dedicata ai bambini e alle bambine e immaginata in questa veste dall’autrice già al suo primo incontro con quest’opera straordinaria.

Alle presentazioni, come detto, si aggiungeranno le narrazioni, amatissime dal pubblico di Albinea: nel pomeriggio di venerdì 26 torneranno le storie di Mappamondo, presentate dagli studenti e dalle studentesse della Scuola di Italiano per stranieri C.P.I.A. Reggio Sud. Domenica mattina, invece, nello spazio piccolissimi della biblioteca, sarà Alessandra Baschieri di Equilibri, a narrare storie bellissime per i bambini e le bambine, prima della bellissima (e buonissima!) colazione, offerta da Conad e imbandita dalle Volontarie della biblioteca.

Le serate di Libr’Aria, come da tradizione, saranno scandite in due momenti. In prima serata, alle 20:45, l’appuntamento dedicato alle famiglie, ai bambini e alle bambine, ai loro genitori e ai nonni, che quest’anno potranno beneficiare di due bellissimi spettacoli.

Nella serata di venerdì 27, eccole Storie da mangiare, proposto da Le Strologhe e ispirato a fiabe classiche come La principessa sul pisello e Biancaneve e i sette… pani.

Sabato 28, alla medesima ora, è la volta di Tarabaralla. Il tesoro del bruco baronessa, proposto da Elisabetta Garilli con ilGarilli Sound Project.

In seconda serata, dalle 22, toccherà ai ragazzi e alle ragazze sopra i 10 anni, con gli appuntamenti del Notturno Fuorilegge, dedicati quest’anno a Fabrizio Altieri (venerdì 27) e a Tom Palmer (sabato 28).

I ragazzi e le ragazze della Redazione Fuorilegge, oltre a seguire e raccontare sul sito fuorilegge.org tutti gli appuntamenti del festival, saranno i protagonisti conduttori delle due serate, intervistando i due scrittori, autori di libri importanti come Volevo solo dipingere i girasoli, edito da Piemme, e D-Day Dog, pubblicato da Equilibri. Due libri che invitano a discutere e riflettere sulle guerre del passato per interrogarsi e capire (forse) la guerra di oggi.

Come già un anno fa, toccherà al Teatro dell’Orsa il compito di chiudere questa edizione del festival: l’Orsa non cambierà, ma lo spettacolo sarà del tutto nuovo: Fiabe a colori. Storie di pace e libertà, narrate e interpretate dalla voce di Monica Morini, con l’accompagnamento musicale di Gaetano Nenna e la regia di Bernardino Bonzani. Subito dopo il saluto finale di tutto lo staff della biblioteca e dell’amministrazione comunale e quello di Equilibri, la cooperativa modenese che fin dall’inizio cura la programmazione, la realizzazione e la conduzione di questo festival attesissimo ben oltre Albinea, per chiudere l’estate nella bellezza delle storie e della lettura.

Anche quest’anno Libr’Aria andrà oltre Libr’Aria, portando le sue storie oltre i confini del piccolo festival, fino al reparto di Pediatria dell’Azienda Ospedaliera IRCCS Santa Maria Nuova di Reggio Emilia, al quale il Festival donerà diverse pubblicazioni da inserire nella biblioteca del reparto per raccontare storie e regalare sorrisi. E i sorrisi, si sa, aiutano a crescere e a stare meglio.

Libr’Aria è un’iniziativa del Comune di Albinea curata e organizzata da Equilibri. La libreria nel parco è curata da “Castello di Carta – Libreria per ragazzi di Vignola.

INFORMAZIONI E PRENOTAZIONI

Libr’aria è una festa: dei libri, delle storie, delle lettrici, dei lettori. Tutti gli incontri si svolgono presso la Biblioteca Comunale “Pablo Neruda” e nell’adiacente Parco dei Frassini “M. Hack”. In caso di maltempo tutte le attività sono comunque confermate e si svolgeranno in spazi interni della Biblioteca e del Comune.

L’ingresso è libero e sarà consentito fino a esaurimento dei posti. È previsto l’obbligo di prenotazione per le attività di laboratorio. Informazioni e prenotazioni da mercoledì 17 agosto: [email protected] – Tel 0522 590232