Non si fermano le polemiche politiche in municipio a Poviglio, neppure a Ferragosto. Ai problemi di bilancio e alle frizioni interne alla maggioranza in consiglio comunale si aggiungono anche gli effetti degli esposti presentati da una dirigente comunale, contestando le procedure usate per una riorganizzazione interna degli incarichi in municipio.

Secondo la giunta comunale guidata dal sindaco Cristina Ferraroni, quella riorganizzazione sarebbe stata necessaria, soprattutto di fronte alla necessità di avere la massima attenzione verso alcuni settori basilari, come per esempio il bilancio, in questo momento di difficoltà finanziarie dell’ente pubblico. Secondo la dipendente autrice degli esposti, non sarebbero stati seguiti i canoni previsti. Come da prassi, di fronte alle richieste di accertamenti, la Procura ha aperto l’inchiesta. Nelle scorse settimane i carabinieri sono stati incaricati di raccogliere materiale.

In pratica, alla base della contestazione, ci sarebbe la sottrazione di alcuni incarichi all’area finanziaria, ritenuta gravata da troppa attività. Una riorganizzazione che altrove avrebbe trovato forse il favore dei dipendenti, alle prese con impegni meglio distribuiti.

Ma non a Poviglio, dove la questione è uscita dal municipio interessando pure i sindacati e la magistratura.