Fabrizio Ferrarini

Fabrizio Ferrarini, responsabile dell’Area Economica di CNA Reggio Emilia, è stato eletto presidente della Cassa Edile di Reggio Emilia.

L’ente bilaterale della nostra città è l’unica cassa italiana unitaria, che opera con la presenza nei suoi organi di governo di tutte le associazioni e le rappresentanze sindacali presenti sul territorio, operando un sistema di rotazioni nei ruoli di vertice.

Fabrizio Ferrarini, 50 anni, ha già svolto in passato ruoli apicali in enti legati al comparto Costruzioni: è stato presidente di RES (Reggio Emilia Scuola), ASE (Associazione per la Sicurezza Edile), ed EFPE (Ente di Formazione Professionale Edile). Assumerà il nuovo incarico dal primo ottobre.

‘Assumo l’incarico con l’obiettivo di proseguire un lavoro corale che ha contraddistinto l’azione della Cassa in questi anni – commenta Fabrizio Ferrarini – il personale interno è di grande valore professionale e in questi anni si è mosso come una squadra. Allo stesso modo il Consiglio ha accolto le voci di tutti i diversi soggetti e questo porta una buona capacità progettuale. Il mio intento sarà di riuscire a fare sintesi tenendo assieme tutte queste voci e, al contempo lavorerò per dare la giusta visibilità alla nostra realtà sul territorio e caratterizzarci come un riferimento complessivo nei settori in cui operiamo sul lato dell’affidabilità da una parte e dell’innovazione dall’altra’.

Cassa Edile di Reggio Emilia tocca quest’anno il suo massimo valore di massa salari, vicina ai 57 Milioni di euro, con una gestione virtuosa. Il settore edile ed impiantistico, oggi trainato anche dai diversi bonus, vive un passaggio di grandissimo sviluppo. Ciò nonostante, i problemi non mancano: accanto alle difficoltà attuali, altri problemi s’intravedono all’orizzonte, sia in termini di gestione delle transizioni green ed energetiche, reperimento e formazione di forza lavoro qualificata, capacità di innovazione complessiva della filiera.