Giornata reggiana per il nuovo Comandante della Legione Carabinieri Emilia Romagna, Generale di Brigata Massimo Zuccher. L’Alto Ufficiale, accolto dal comandante Provinciale Colonnello Andrea Milani, è arrivato al comando Provinciale dei Carabinieri di Reggio Emilia ed ha incontrato, nel cortile interno della Caserma, tutti gli Ufficiali dell’Arma di Reggio Emilia i comandanti di stazione di Reggio Emilia e provincia che hanno presenziato all’incontro unitamente ai comandanti dei reparti della sede del Comando Provinciale reggiano, (Ufficio Comando, Reparto Operativo, Nucleo Informativo, Nucleo Investigativo, Nucleo Operativo e Radiomobile e Centrale Operativa).

Nel corso dell’incontro con il personale il Generale Zuccher ha sottolineato la fondamentale importanza del ruolo sociale svolto dai carabinieri chiamati ad essere punto di riferimento delle comunità:cifre queste distintive del lavoro quotidiano che i carabinieri sono quotidianamente chiamati a svolgere a favore dei cittadini”.

Il conferimento degli encomi semplici per l’operazione “Ghost”

Nell’occasione, il Generale Zuccher ha consegnato cinque encomi semplici, rispettivamente al comandante della Stazione, al vice e ad altri tre militari della stazione di San Polo d’Enza, particolarmente distintisi nell’attività investigativa conclusasi con l’operazione “Ghost  che portò a indagare 48 persone  (di cui 16 colpiti da misura cautelare) per associazione a delinquere finalizzata alle truffe, furti aggravati, utilizzi indebiti di carte di credito e riciclaggio.

Il Generale Zuccher presso Associazione Carabinieri in congedo

Successivamente il Comandante Legionale si è recato per i saluti istituzionali dal Prefetto di Reggio Emilia Iolanda Rolli e dal Procuratore Capo di Reggio Emilia Calogero Gaetano Paci.

Il Generale Zuccher presso Associazione Carabinieri in congedo

La visita è quindi terminata nel primo pomeriggio con l’incontro, presso la loro sede di via Emilia san Pietro, del personale dell’Associazione Nazionale Carabinieri di Reggio Emilia, testimoni – come sottolineato dal Generale Zuccher nel corso dell’incontro – delle tradizioni dell’Arma e della continuità dei nostri ideali che, in un tempo spesso caratterizzato da crisi d’identità e di memoria, sono la nostra forza e l’invisibile filo che lega il personale in servizio di oggi a quello di ieri.”

Il Generale Zuccher presso Associazione Carabinieri in congedo