REGGIO EMILIA – Ammette di aver accompagnato Nomanhulaq Nomanhulaq e Ikram Ijaz, i due cugini di Saman, a seppellirne il corpo, ma sostiene di non aver ucciso lui la nipote.

Danish Hasnain, lo zio della 18enne pakistana scomparsa ad aprile 2021, avrebbe sostenuto questa tesi con la Polizia Penitenziaria del carcere di Reggio Emilia due giorni prima di aver indicato dove scavare per trovare il cadavere della giovane parente: “Voglio dirvi che io non ho ucciso Saman e per questo io non voglio avere una condanna per colui che ha ucciso Saman” avrebbe detto.