GUASTALLA (RE) – Ieri mattina due classi prime della scuola secondaria di primo grado (scuola media) Ferrante Gonzaga di Guastalla hanno incontrato, presso la Sala consiliare, il sindaco Camilla Verona e l’assessore Chiara Lanzoni nell’ambito di un progetto di educazione civica, pensato lo scorso anno dalla prima cittadina guastallese e proposto all’Istituto scolastico guastallese che lo ha accolto favorevolmente, inserendolo nei programmi didattici della scuola. 

In particolare, sono arrivate in Municipio le classi 1a B e 1a F, mentre oggi sarà la volta delle classi 1a A e 1a C e nelle prossime settimane arriveranno le altre sezioni.

“Un progetto importante a cui tengo molto perché consente ai ragazzi un primo avvicinamento alle nostre istituzioni, per capire come funzionano, chi sono i protagonisti, quali sono gli obiettivi e i servizi che un Comune offre alla collettività”. 

Gli incontri, di circa due ore l’uno, sono stati pensati come un dialogo fra studenti e rappresentanti istituzionali. Una chiacchierata che stamattina ha destato molto interesse da parte delle due classi.

“Sono rimasta molto soddisfatta e positivamente colpita dal grande interesse e dall’attenzione mostrati dagli alunni, che mi hanno posto moltissime questioni, tutte molto pertinenti, su argomenti diversi della vita pubblica, alternandosi educatamente fra di loro e ascoltando con rispettoso silenzio ogni domanda e ogni risposta” ha detto la sindaca Verona.

Come vengono eletti il sindaco e la sua Giunta; cos’è il Consiglio comunale e quali sono le sue funzioni; qual è stato il momento più difficile e quello di maggiore soddisfazione del sindaco durante il suo mandato; quali obiettivi gli stanno più a cuore; quali sono le prossime azioni che l’Amministrazione intende concretizzare da qui alla fine del mandato. Queste sono solo alcune delle tante domande formulate dalle ragazze e dai ragazzi stamattina davanti al sindaco Camilla Verona che domani accoglierà nella sede municipale altre due classi prime. 

Gli studenti sono arrivati all’incontro di oggi preparati, avendo lavorato con i loro docenti intorno ai temi poi approfonditi con la sindaca. Un progetto che non si esaurisce qui ma continuerà con successivi momenti in classe per riprendere gli argomenti nel contesto di una più ampia unità didattica.