REGGIO EMILIA – Il Festival Aperto ha vinto la 42esima edizione del Premio della critica musicale “Franco Abbiati”, premio speciale alla memoria di Roberto Masotti.

Nato dall’unione dei precedenti Rec-Reggio Emilia Contemporanea e Red-Reggio Emilia Danza, il Festival Aperto, organizzato dalla Fondazione I Teatri in collaborazione con il Reggio Parma Festival, dal 2009 propone una indagine sui linguaggi espressivi contemporanei, nei loro mille intrecci e connessioni, a partire dalle riflessioni su temi di grande respiro. Concerti, opere, performances, coreografie, installazioni, spettacoli, multimedia: innumerevoli sono gli artisti, sia italiani sia internazionali, che in questi anni hanno calcato i tre teatri cittadini (Municipale Valli, Ariosto e Cavallerizza), ma anche spazi all’aperto e altri luoghi cittadini.

NDT2 Fathoms dell’1 ottobre 2022 Teatro Municipale Valli (foto Rahi Rezvani)

Il Premio che la giuria del Premio Abbiati ha conferito al Festival Aperto è dedicato alla memoria di Roberto Masotti, indimenticato fotografo con un particolare legame con la città di Reggio Emilia e con i suoi teatri: Masotti, infatti, ha frequentato a lungo le attività di spettacolo: dai concerti di Musica Realtà negli anni Settanta, alle opere, fino alle edizioni del Premio Paolo Borciani per Quartetto d’archi, lasciando un importante patrimonio di immagini, custodito dall’Archivio della Fondazione.

Tanzmainz / Sharon Eyal del 5 novembre Teatro Cavallerizza (foto Andrea Mazzoni)
Ouomou Sangaré, concerto del 16 settembre 2022 Teatro Municipale Valli (foto Andrea Mazzoni)

La notizia è stata accolta con grande gioia alla Fondazione I Teatri, che tramite il direttore, Paolo Cantù, ringrazia la giuria e aggiunge: “È certamente un riconoscimento prestigioso che ci riempie di orgoglio. Perché il nuovo premio speciale dedicato a Roberto Masotti premia un festival contaminato e dedicato alla creazione contemporanea di musica, danza, performatività. Perché premia il lavoro costante e appassionato di un intero teatro, in primis i colleghi Roberto Fabbi e Marina Basso, che con me si occupano della programmazione del Festival. E, infine, perché accade nell’anno in cui festeggiamo i 50 anni di Musica/Realtà, che in fondo rimane scintilla e radice di molta parte di ciò che ancora oggi stiamo sviluppando. Insieme la chiusura di un cerchio e un modo per rilanciare verso il futuro”.

Oltre al Festival Aperto, la Giuria, presieduta da Angelo Foletto, e formata dal direttivo dell’Associazione Nazionale dei Critici Musicali (presidente Andrea Estero, Alessandro Cammarano, Carlo Fiore, Gianluigi Mattietti, Carla Moreni e Stefano Nardelli) e da sette critici eletti dai soci dell’ANCM fra i suoi iscritti (Susanna Franchi, Giancarlo Landini, Patrizia Luppi, Gregorio Moppi, Roberta Pedrotti, Paolo Petazzi, Alessandro Rigolli) ha decretato questi altri premi:

Spettacolo: La favorite (direttore Riccardo Frizza, regia Valentina Carrasco: Bergamo, Donizetti Opera).
Premio speciale: Le Sonate per pianoforte di Salvatore Sciarrino alla Fabbrica del Vapore (Divertimento Ensemble / Maria Grazia Bellocchio e i suoi allievi).
Direttore: Gianluca Capuano (Alcina, Maggio Musicale Fiorentino).
Novità per l’Italia: John Zorn, Jumalattaret (Festival dei Due Mondi di Spoleto).
Regia: Barrie Kosky (Evgenj Onegin Teatro di San Carlo di Napoli, Die Dreigroschenoper Romaeuropa Festival).
Scene e costumi: Leila Fteita (Le Joueur, Festival della Valle d’Itria di Martina Franca).

Solista: Alexander Gadjiev.
Ensemble: La fonte musica.
Cantanti: Lisette Oropesa, Andrew Staples.
Premio “Piero Farulli”: Quartetto Goldberg – Jingzhi Zhang e Giacomo Lucato (violini), Matilde Simionato (viola), Martino Simionato (violoncello).
Premio “Filippo Siebaneck”: le proposte di opera accessibile dell’Orchestra senza spine (Bologna).

La cerimonia delle Premiazioni il prossimo 10 giugno al Teatro Donizetti di Bergamo.