Foto di 42 North: https://www.pexels.com/it-it/foto/banner-bianco-e-multicolore-love-is-love-1280638/

REGGIO EMILIA – La mozione “CARO SINDACO TRASCRIVI” di +Europa (sostenuta a Reggio Emilia anche da PD, Coalizione Civica, Europa Verde e Reggio-È) per la “registrazione anagrafica” dei figli delle coppie omogenitoriali è stata approvata in data 02/05/2023 dal Consiglio Comunale di Reggio Emilia con 19 voti favorevoli, 8 contrari e un astenuto. Il gruppo locale del partito (fondato da Emma Bonino) ha infatti presentato una mozione affinché si proceda con le “registrazioni anagrafiche” dei bambini delle famiglie arcobaleno, nonostante la circolare ai Prefetti del Ministro dell’Interno Piantedosi.

La mozione, già presentata da +Europa in oltre 1.000 Comuni a livello nazionale, invita il Sindaco a procedere a trascrivere i figli delle coppie omogenitoriali con l’indicazione, come genitori, di entrambe le persone che si sono assunte la responsabilità della procreazione del bambino. Si sollecita inoltre il Parlamento a sostenere le proposte di legge presentate, come chiedono già i sindaci di Roma, Milano, Firenze, Napoli, Torino, Bologna e Bari, che si incontreranno a Torino il prossimo 12 maggio. Il capogruppo in Consiglio Comunale di +Europa Reggio Emilia, Giacomo Benassi, commenta così: “Come città di Reggio Emilia siamo sempre stati attendi ai diritti, impegno confermato recentemente dal conferimento della medaglia di Bronzo della Commissione Europea per gli sforzi compiuti per tutelare l’inclusione e i la tutela dei diritti della comunità LGBTQ”.

“La situazione dei figli delle coppie omogenitoriali è molto grave,” prosegue poi, “non possono esserci bambini di serie A e di serie B, per questo si sollecita anche l’intervento urgente del Parlamento per evitare che si generino fenomeni di discriminazione di alcuni bambini”. Il Segretario Nazionale di +Europa, Riccardo Magi, aveva dichiarato alla presentazione della Campagna SINDACO TRASCRIVI: “Attraverso i nostri gruppi locali abbiamo dato vita a questa campagna nazionale, con la quale presentiamo questa mozione in tutti i Consigli Comunali e a tutti i Sindaci e le Sindache d’Italia”. Precisa Magi: “La circolare di Piantedosi non è vincolante, ed è fondamentale che i Sindaci non interrompano le registrazioni. Con queste mozioni vogliamo però anche mandare un segnale al Parlamento, a cui chiediamo di approvare una legge che riempia il vuoto normativo, come ha chiesto nel 2021 la Corte Costituzionale. Per noi sui diritti e sulle libertà bisogna andare sempre più avanti. Qui però siamo in presenza non solo di un passo indietro, ma di una vera e propria crudeltà verso i bambini delle famiglie arcobaleno che hanno il diritto di essere riconosciuti come tutti gli altri. Per noi è inaccettabile”.