di Matteo Benevelli

REGGIO EMILIA – E’ stata emessa poco fa una nuova allerta meteo per la giornata di Sabato 20 maggio. Tornano a farci visita le piogge e questo fa permanere un grande livello di attenzione sulla nostra Provincia.

Ecco il testo che abbiamo trasmesso al Coordinamento di Protezione Civile:

⚠️ Allerta Meteo ⚠️

E’ stata da poco emessa dall’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile e da ARPAE una nuova allerta meteo che interesserà l’intero territorio provinciale, un’allerta che tocca livello 🟠 “Arancione” ancora una volta sul nostro Appennino per via dell’alto rischio di movimenti franosi già in atto e di nuova formazione.

Il ritorno annunciato delle piogge sulla nostra Provincia avrà inevitabilmente delle conseguenze sotto l’aspetto ambientale, ma vediamo nel dettaglio cosa potrebbe accadere nelle varie zone:

🟡 PIANURA e CITTA’
Torna l’allerta anche nelle zone tra il fiume Po la via Emilia. Abbiamo, infatti, allerta meteo “Gialla” per il possibile transito di onde di piena da parte dei corsi d’acqua in discesa dall’Appennino. Le piogge attese di per se non saranno ingenti, ma cadendo su terreni saturi scivoleranno nei corsi d’acqua velocemente andando inevitabilmente ad ingrossarli. Gli argini a valle, poi, sono già saturi d’acqua e sottoposti a stress. Per tale ragione si rende necessario il monitoraggio.

🟠 PEDECOLLINARE e COLLINA
Anche in questa zona abbiamo allerta “Gialla” per possibile ingrossamento dei corsi d’acqua che scendono verso la Pianura. Le piogge velocemente scivoleranno sull’argilla delle nostre Colline verso le valli. L’allerta, invece, sale ad “Arancione” per il dissesto idrogeologico. Sono molte le frane attualmente attive in diversi Comuni e altre potrebbero attivarsi con l’ulteriore aggravio di peso in arrivo con le prossime piogge.

🟠 MONTAGNA
Ancora una volta anche per i 3 Comuni della Montagna vale quanto detto poco fa per Pedecollinare e Collina. Allerta meteo “gialla” per ingrossamento dei corsi d’acqua ed il transito di onde di Piena, che sale ad “Arancione” sotto l’aspetto delle frane e possibili crolli come conseguenza delle piogge che si sommano a quelle copiose cadute per tutto il mese.