REGGIO EMILIA – Paura su un autobus della linea urbana 8 mercoledì sera quando durante la corsa che da San Maurizio porta alla Caserma Zucchi, qualcuno ha spruzzato uno spray al peperoncino. Il grave episodio è avvenuto quando il mezzo si trovava alla ex Caserma Zucchi e ha richiesto l’intervento del servizio 118 per soccorrere un autista ed alcuni passeggeri intossicati dalla sostanza urticante.

L’autista ha subito allertato la centrale operativa di SETA che ha inoltrato richiesta di intervento alle forze di polizia, prontamente intervenute insieme al personale medico.

La dinamica dei fatti e soprattutto l’identità dei responsabili potranno essere accertate visionando le immagini del sistema di videosorveglianza di cui è dotato l’autobus: tali immagini sono già state messe a disposizione delle Forze dell’Ordine per le opportune procedure di indagine.

Una dura condanna per un’azione ingiustificabile arriva da SETA che ringraziando le forze dell’ordine per il tempestivo intervento, manifesta la più completa solidarietà all’autista, che fortunatamente non ha riportato conseguenze ed oggi ha già potuto riprendere il servizio, nonché a tutti i passeggeri coinvolti.

In una nota l’azienda di servizio di trasporto pubblico locale assicura pieno sostegno al proprio dipendente e garantisce completo supporto legale in ogni grado di giudizio per ogni eventuale azione di tutela che egli vorrà intraprendere. L’azienda fa sapere di avere già incaricato il proprio legale affinché venga perseguita l’interruzione di pubblico servizio, a tutela degli utenti e del proprio personale, e valuti la costituzione di parte civile nell’eventuale procedimento penale.