Gonzalo Borondo allo SpazioC21, Palazzo Brami, Via Emilia San Pietro 21. Ph. Fabrizio Cicconi

REGGIO EMILIA – L’artista Gonzalo Borondo, proposto dallo SPAZIOC21 nell’ambito della sezione OFF di Fotografia Europea 2023, con la mostra SUBSTRATUM, indaga il tema dell’identità in modo unico.

Cittadino d’Europa, naviga i delicati argomenti della rassegna Reggiana con consapevolezza e autenticità, da artista europeo formatosi in strada più che nelle accademie, oscillando costantemente tra una dimensione politica / storica / collettiva ed una personale / emotiva / inconscia. 

Gonzalo Borondo allo SpazioC21, Palazzo Brami, Via Emilia San Pietro 21. Ph. Fabrizio Cicconi

L’utilizzo esclusivo della fotografia in un progetto, nella ricerca di Borondo è un’anomalia; una sfida sia formale che concettuale per chi vede l’arte più come esperienza che come oggetto.

Borondo insiste sul concetto di identità prelevando immagini dall’archivio fotografico personale e collettivo intercettando l’eco della Storia. Opere stampate su materiali semitrasparenti consentono una compenetrazione spaziale e temporale dei piani, come un diorama capace di restituire una volumetria, una profondità storica ed identitaria. 

In occasione di Fotografia Europea, l’artista si cimenta con il linguaggio fotografico in uno sviluppo progettuale che ne restituisce una dimensione installativa; allo SPAZIOCC21, utilizzando il solo medium fotografico ed integrando tecniche analogiche e digitali al fine di esplorare in modo concettualmente nuovo il tema della memoria, della diversità e le problematiche legate alla conservazione del patrimonio culturale; nell’estensione della mostra nel cortile e negli uffici dello studio PPI & Partners, combinando la pittura su vetro – il medium per il quale è più noto – e la fotografia in un dialogo che ribadisce il rapporto tra ambiente e la figura umana…

La mostra SUBSTRATUM è visitabile presso lo SPAZIOC21 fino al 25 giugno 2023.