CASTELLARANO – Un reggiano di 32 anni nel 2018 si è reso responsabile dei reati di pornografia minorile nel comune di Penne (PE). Nel 2019, a seguito dell’attività investigativa che ha segnalato il coinvolgimento di altre persone, è stato deferito in stato di libertà presso la Procura della Repubblica di L’Aquila. Dopo la sentenza emessa dal Tribunale di Pescara nel 2022 (e diventata esecutiva a maggio 2023), l’uomo è stato riconosciuto colpevole dal Tribunale di Bologna che l’ha giudicato, condannandolo a 4 anni e 3 mesi di carcere, oltre al pagamento della pena pecuniaria di 17mila euro, alle pene accessorie e all’interdizione dai pubblici uffici per 5 anni. Il 19 settembre 2023 è stato emesso l’ordine di esecuzione per la carcerazione; il provvedimento è stato eseguito nel pomeriggio di ieri, mercoledì 27 settembre. L’uomo, residente a Castellarano, è stato quindi raggiunto presso la sua abitazione dai Carabinieri dello stesso comune che lo hanno arrestato, accompagnandolo in carcere per l’esecuzione della pena.