ProjectRED alla ERC

REGGIO EMILIA – Il progetto universitario ProjectRED è stato protagonista della Notte dei Ricercatori. Durante la manifestazione, mille persone hanno conosciuto da vicino alcuni progetti di ricerca dell’Università di Modena e Reggio Emilia, attraverso conferenze, laboratori interattivi, dimostrazioni e altri eventi connessi alla ricerca scientifica. La scienza è stata resa più accessibile e coinvolgente per un pubblico di tutte le età, stimolando la curiosità e la partecipazione attiva.

ProjectRED è nato nel 2019 da un piccolo gruppo di studenti del Dipartimento di Scienze e Metodi dell’Ingegneria di Reggio Emilia, appassionati di robotica e del settore aerospaziale. E’ stato progettato e realizzato un prototipo di rover per l’esplorazione extraterrestre con il quale competere all’European Rover Challenge, gara annuale che si è tenuta a Kielce in Polonia e coinvolge più di 50 teams universitari provenienti da tutto il mondo.

ProjectRED è un progetto multidisciplinare di vasta portata che conta su una squadra composta da oltre cinquanta membri, ognuno con background eterogenei. L’iniziativa non si limita alla creazione di un prototipo di rover per l’esplorazione extraterrestre, ma anche per creare un ambiente educativo in cui ogni studente sviluppi pienamente le proprie capacità, acquisendo competenze sia tecniche che relazionali, plasmando la prossima generazione di professionisti consapevoli e competenti.

Project RED offre agli studenti l’opportunità di sfidarsi e dimostrare il proprio potenziale. Inoltre, ha costruito un network dedicato ai propri membri, costituendo un ponte tra gli studenti e le aziende, in modo da permettere ai ragazzi di capire cosa il mercato cerca e vuole, e facilitare loro la conoscenza nel mondo del lavoro.

Durante la Notte dei Ricercatori, ProjectRED ha avuto l’opportunità di presentare il nuovo prototipo di rover sviluppato nel corso del 2023, denominato Orione. Questo rover rappresenta un significativo avanzamento derivante dai feedback acquisiti durante la precedente edizione dell’European Rover Challenge 2022 e dall’esperienza maturata dal team nel corso degli anni.

Il rover di ProjectRED alla ERC

Orione si distingue notevolmente dal suo predecessore, Prosperus, che era dotato di una complessa sospensione a più gradi di libertà, utile per superare ostacoli elevati ma caratterizzata da difficoltà di controllo a causa di pesi e dimensioni considerevoli.

Al contrario, il nuovo rover, Orione, è più compatto e leggero, presenta una sospensione a un solo grado di libertà e può superare ostacoli di dimensioni minori. Grazie al sistema di sterzatura su ogni ruota, possiede notevoli capacità di mobilità su terreni accidentati come la Marsyard, il campo di gara utilizzato nella competizione.

ProjectRED è sostenuto dal DISMI di Reggio Emilia e da aziende che contribuito al progetto fornendo i prodotti necessari per la realizzazione del rover.

Con il supporto finanziario ottenuto e l’impegno profuso dal team di ProjectRED, l’European Rover Challenge 2023 si è rivelato un successo. Orione si è classificato nella top 10 della on-site edition, occupando il nono posto, mentre nella remote edition ProjectRED ha confermato il terzo posto per il secondo anno consecutivo, aggiudicandosi anche un premio per la miglior navigation task.

Il team è a disposizione di coloro che desiderano avvicinarsi alla ricerca scientifica e conoscere meglio il progetto.

La sede di ProjectRED è presso il Digital Automation Lab, via Sicilia 21, a Reggio Emilia.