Di Nicola Zinelli

REGGIO EMILIA – La Reggiana reagisce bene alla sconfitta di Terni e gioca una bella partita, soprattutto il primo tempo, ma non riesce a portare a casa i 3 punti. I ragazzi di Nesta nei primi 45 minuti giocano bene e creano diverse occasioni da rete, clamorosa quella di Antiste che colpisce il palo tutto solo in area, ma pagano l’unica disattenzione difensiva, ancora una volta, sui calci piazzati. Nel secondo tempo, complice il caldo e la stanchezza, la partita cala di tono e di intensità, ma Rozzio e compagni non riescono a creare veri grattacapi alla difesa ospite. È un vero peccato aver portato a casa un solo punto perché il Bari non ha impressionato e ha segnato con l’ unico tiro verso la porta, mentre la Reggiana si è dimostrata compatta e aggressiva ma questo non è stato sufficiente per vincere. Oltre alla fase difensiva, Nesta dovrà lavorare molto per migliorare anche su quella offensiva perché per salvarsi bisogna vincere partite come queste.

Per la partita odierna mister Nesta deve fare a meno, oltre ai lungodegenti Vergara e Vido, degli infortunati Romagna e Melegoni; a questi si sono aggiunti Portanova, che non ha smaltito la botta rimediata a Terni, e Pajac che ha accusato un problema agli adduttori. Rispetto alla squadra vista nella disgraziata trasferta in Umbria, Pieragnolo sostituisce il deludente Fiamozzi, rientra da titolare capitan Rozzio al posto di Szyminski e Crnigoj al posto di Portanova. In panchina per la prima volta è presente Da Riva. La formazione schierata dal campione del mondo del 2006 vede in porta Bardi; in difesa Sampirisi, Mercandalli, Rozzio e Pieragnolo; a centrocampo Bianco, Kabashi e Crnigoj; sulla trequarti Girma; in attacco Antiste e Pettinari Reggiana che passa in vantaggio al 10°.  Antiste recupera palla a centrocampo e parte in contropiede, serve la sfera a Pettinari che lancia immediatamente Girma il quale, appena entrato in area, trafigge un incolpevole Brenno. Granata che provano ad approfittare di un Bari stordito dallo svantaggio.

Al minuto 18 bella punizione dal limite calciata da Kabashi, ma Brenno devia in corner. Sono sempre i ragazzi di Nesta a creare grattacapi alla difesa ospite. Al 23° elaborata azione dei padroni di casa sulla fascia sinistra e alla fine la sfera arriva a Kabashi che, dal limite dell’area, calcia di sinistro e impegna Brenno in una parata bassa. Dopo 3 minuti sul tiro cross di Girma Pettinari non arriva sulla sfera che è bloccata facilmente dal portiere ospite. Il Bari prende possesso del centrocampo e al 33° raggiunge il pareggio: dagli sviluppi di un corner Maiello serve Di Cesare che tutto solo in area e sul filo del fuorigioco trafigge Bardi. Sulle ali dell’ entusiasmo e spinto dai propri tifosi, gli ospiti schiacciano i granata nella propria metà campo senza creare veri pericoli. I granata non si scompongono e al 42° sfiorano il vantaggio con Girma che non riesce a ribadire in rete di testa un bel cross di Pieragnolo. Dopo 2 minuti clamorosa occasione per i ragazzi di Nesta: Antiste, pescato tutto solo in area da Bianco, stoppa la palla, si gira e calcia a botta sicura ma la sfera colpisce il palo. Si va al riposo sul risultato di 1 a 1 con la sensazione che il punteggio stia stretto ai padroni di casa.
Il secondo tempo inizia con Rozzio e compagni che prendono possesso del centrocampo senza però creare vere occasioni da rete.

Al 49° numero di Girma alla Zidane che con una veronica si libera dei difensori ospiti, lancia in area Antiste ma il francese non arriva sulla sfera. Le due squadre si fronteggiano a centrocampo con un leggero predominio territoriale dei padroni di casa, ma avaro di occasioni. La partita si accende nei minuti finali. Al minuto 82° Acampora recupera palla sulla trequarti granata e lascia partire un tiro che Bardi non trattiene e termina in corner. Nei minuti finali la Reggiana prova a vincere la partita ma non crea preoccupazioni a Brenno. A 7 minuti dalla fine Varela lancia in contropiede Antiste il quale defilato e marcato da tre avversari conclude a lato. All’86 Bianco perde il pallone, Bellomo lo conquista e calcia immediatamente, ma Rozzio è sulla traiettoria e di testa devia la sfera. A 1 minuto dal 90° Gondo viene servito da Nardi in area e da posizione molto defilata calcia sull’esterno della rete. Al 2° minuto di recupero Cigarini batte una punizione, Mercandalli di testa serve Antiste che sempre di testa conclude sopra la traversa.

La partita termina 1 a 1 tra gli applausi delle due tifoserie, ma la Reggiana avrebbe meritato di più. Dopo la sosta, che servirà per recuperare gli infortunati e migliorare la condizione atletica di alcuni giocatori, domenica 22 ottobre altra partita in casa contro il forte Venezia.
Forza Reggiana!