Le prove del musical

REGGIO EMILIA – Debutterà domani al Teatro Cavalerrizza, in mattinata per le scuole in serata per gli spettattori che si sono prenotati gratuitamente on line, il musical “Passaggio sicuro” prodotto da On Art Aps, ideato e interpretato dalle ragazze e dai ragazzi delle scuole superiori di Reggio Emilia e Correggio. Lo spettacolo, nato nell’ambito del progetto “Guida, bevi, perdi”, è promosso dalla Polizia locale, dal Comune di Reggio Emilia in collaborazione con la Prefettura e Ufficio scolastico provinciale, per prevenire e contrastare l’incidentalità stradale, contribuendo a costruire una cultura della responsabilità e comportamenti adeguati.

Il musical, sul tema della sicurezza stradale ma anche sull’amicizia, sulle esperienze e sulle ‘sbandate’ che accompagnano il processo di crescita di ognuno, è raccontato e interpretato da un gruppo di 40 studenti dai 14 ai 19 anni che, con il regista Simone Oliva, hanno partecipato alla creazione dello spettacolo in tutte le sue fasi: dalla ideazione alla stesura del copione, alla realizzazione delle scenografie e dei costumi, alla recitazione, al canto e all’accompagnamento musicale, ai ruoli di backstage. Hanno partecipato studentesse e studenti e docenti delle scuole Canossa, Chierici, Ariosto-Spallanzani, Moro, Bus Pascal, Zanelli di Reggio Emilia e Corso di Correggio.

LE DATE – Il musical andrà in scena mercoledì 13 e giovedì 14 dicembre al Teatro Cavallerizza, nello spettacolo di debutto e in cinque repliche successive. Nelle mattinate sono previste quattro rappresentazioni, riservate alle scuole secondarie di secondo grado di Reggio Emilia e provincia, mentre alla sera dalle ore 20.30 sono programmate due repliche aperte a tutta la città. L’ingresso agli spettacoli è gratuito ma, per le due rappresentazioni serali aperte al pubblico, è necessario prenotare il proprio biglietto su: www.comune.re.it/noneungioco.

LA TRAMA – La trama è tutta da scoprire, assistendo allo spettacolo, lungo una strada fatta di rischi, ‘sbandate’ e crescita. Al centro del racconto, due ragazze: Giulia e Mirella, l’una vuole proteggere l’altra da un brutto giro di amicizie. Nel farlo, Giulia resta sempre più sola e mette a rischio le persone che le vogliono bene. Quando capisce che non può controllare tutto e tutti, è troppo tardi per evitare il peggio, ma non per ritrovare nuove sicurezze.