REGGIO EMILIA – L’avvocato Giovanni Tarquini sarà il candidato sindaco di Reggio Emilia, sostenuto da Forza Italia, Lega e Alleanza Civica. A renderlo noto è lo stesso Tarquini dopo settimane di illazioni e ‘tira e molla’ e dopo il no alla sua candidatura da parte di Fratelli d’Italia, confermato ieri nel corso di un incontro regionale.

“Rendo nota, e così confermo, la mia intenzione di presentarmi come candidato Sindaco alle elezioni comunali in programma per le giornate dell’8 e 9 giugno prossimo – scrive Tarquini – Tale prospettiva di impegno e di contributo al governo della città di Reggio Emilia muove da un istintivo spirito di servizio ma è anche frutto di attente e ponderate riflessioni; si tratta di una iniziativa di natura civica, dunque politicamente neutrale, che ha trovato il prezioso sostegno dei più svariati ambienti cittadini da cui promanano numerose forze positive e importanti risorse umane; forze e risorse che puntano al medesimo obiettivo di un importante, necessario e indifferibile rinnovamento.

Analogo, quindi prezioso, sostegno alla mia candidatura viene dai responsabili locali dell’area politica di centro-destra, in particolare da Forza Italia e dalla Lega, pur attualmente ancora in attesa di un responso ufficiale dei vertici dei rispettivi partiti, e dal gruppo consolidato di Alleanza Civica, i cui rappresentanti hanno fin da subito mostrato un fattivo e generoso interesse per il progetto, contribuendo alla sua nascita e ora alla sua elaborazione e costruzione. Ciò sintetizza una forte affinità di pensiero sui temi che devono essere affrontati senza ulteriore indugio e che riguardano soprattutto le note problematiche che affliggono la città, vale a dire la carenza di sicurezza dei residenti nell’intero territorio urbano, la desertificazione del centro storico, la precaria situazione della viabilità e del traffico cittadino; temi che, così come tanti altri, necessitano di un deciso intervento migliorativo con un approccio innovativo in termini di persone e risorse, ma anche di massimo rispetto verso tutto ciò che di buono è già stato fatto.

Il progetto e le prospettive come sopra sommariamente delineate inducono, altresì, a una forte e auspicabile apertura verso ogni altra realtà associativa che incarni i valori e principi irrinunciabili di ispirazione liberale, cattolica e moderata, e che sia pronta a mettersi in gioco per il bene della collettività e nell’interesse delle prossime generazioni”.

“A breve – conclude la nota – verrà organizzato, unitamente a tutti gli amici sostenitori, un evento di presentazione del progetto che potrà offrire più nel dettaglio le indicazioni sulla composizione delle liste e sulla elaborazione del programma amministrativo”.