VIsita del Valentino Valentini all’azienda Dino Paoli

REGGIO EMILIA – Dino Paoli, azienda specializzata nella produzione di avvitatori, ha ospitato il Viceministro delle Imprese e del Made in Italy Valentino Valentini, in visita agli stabilimenti produttivi di Reggio Emilia. Un incontro istituzionale in cui si è parlato di futuro e innovazione, in linea con i progetti che vedono il produttore reggiano impegnato nel processo di trasferimento tecnologico per l’ingresso nel settore aerospaziale.

In un momento storico in cui l’innovazione e l’eccellenza italiana sono sempre più al centro dell’attenzione globale, l’azienda Dino Paoli si distingue come esempio geniale di come la tradizione famigliare ha saputo incontrare l’avanguardia tecnologica e contribuire significativamente al prestigio del Made in Italy nel mondo, ed al raggiungimento di sempre nuovi traguardi” queste le parole del Viceministro Valentino Valentini.

VIsita del Valentino Valentini all’azienda Dino Paoli

È stato un momento di grande orgoglio per il team di Dino Paoli, ha detto Francesca Paoli, CEO dell’azienda: “L’incontro con il Viceministro Valentini è stata un’occasione unica per mostrare come nasce l’eccellenza dei nostri prodotti, per raccontare il nostro impegno ma anche per condividere la nostra visione e i progetti che abbiamo per il futuro. Il Viceministro delle Imprese e del Made in Italy ha visitato la sede e gli stabilimenti, ha visto come si svolge la produzione e ha conosciuto personalmente i soci, il personale tecnico, produttivo e commerciale. A condurre l’incontro, i membri del board, oltre a Francesca Paoli, Federico Galloni, Patrizia Paoli e Valeria Prampolini.

Tema centrale della visita, il trasferimento di tecnologie dal motorsport al settore aerospaziale, che ha impegnato l’azienda nell’ultimo anno e che rappresenta un punto nevralgico della strategia di sviluppo anche nel corso del 2024. “Abbiamo avuto modo di far toccare con mano la nostra transizione tecnologica nel corso degli anni” racconta la CEO Francesca Paoli. “Abbiamo mostrato al Viceministro i nostri prodotti, da quelli pneumatici a quelli elettrici di ultima generazione; ma anche i componenti destinati alla futura produzione aerospaziale“. Sul tema del trasferimento tecnologico dal motorsport allo space, Francesca Paoli spiega: “Molti dei pezzi che produciamo sono già realizzati con materiali top di gamma, adatti a settori ad alto contenuto tecnologico.L’aerospaziale è uno di questi. Quindi, di fatto, eravamo già pronti per questa nuova sfida, era un’evoluzione quasi naturaleNel corso di quest’anno andremo sempre più in questa direzione“.