Di Romano Pezzi

Giuseppe Montanari

SCANDIANO (Reggio Emilia) – In tanti ad Arceto, nel primo pomeriggio di ieri, hanno voluto dare l’ultimo saluto a Giuseppe Montanari, morto domenica mentre era ricoverato all’ospedale Magati di Scandiano. Montanari era un personaggio ed in occasione delle esequie Don Antonio Davoli lo ha ricordato soprattutto come il maestro Rossano in quanto tutti ad Arceto lo conoscevano e stimato per la sua attività d’insegnante.

L’uomo che lascia la moglie e due figli, Luca e Alberto, era anche un apprezzato giornalista.

Collaborava da decenni infatti con il Carlino Reggio, occupandosi soprattutto di eventi sportivi oltre alla cronaca locale. Curava particolari rubriche sul calcio minore, quella vicino alla sua squadre del cuore, l’Arcetana. “Era attento a tutta la cronaca della nostra comunità, bella o brutta – ha chiarito Don Antonio che gli era molto vicino e col quale era legato, – e questa sua attività, che svolgeva con estrema passione oltre al sua lavoro di insegnante, era molto apprezzata qui ad Arceto”.

Dopo l’ufficio funebre, la salma e stata trasportata al Cimitero di Coviolo dove sarà cremata.