di Matteo Benevelli

REGGIO EMILIA – Situazione complicata sulla provincia reggiana. Le precipitazioni della notte hanno interessato soprattutto il versante orientale del territorio, con una componente nevosa alle sorgenti dell’Enza e del Secchia. Componente piovosa, invece, sui torrenti collinari che hanno dato segno di crescita ma che non destano preccupazione. Sorvegliato speciale è il torrente Enza che addirittura supera soglia 3 a Sant’Ilario d’Enza.

Vediamo il dettaglio:

🔴 Torrente Enza

Come accennato supera soglia 3 a Sant’Ilario senza aver toccato valori simili nella tratta a monte. Questo perchè la pioggia caduta dalla mezzanotte nell’area della bassa valle dell’Enza ha raggiunto i 40 mm con la complicità delle correnti d’aria da nord-est che si scontravano con l’umidità in ingresso dall’appennino parmense.

A monte il livello continua a salire, con un paio di colmi in arrivo verso la pianura. Il primo si trova tra Cedogno e Ciano d’Enza, il secondo è più in alto all’altezza della confluenza con il Cedra. In sostanza abbiamo 3 onde di piena in corso e le piogge presenti in montagna favoriranno la fusione della neve caduta nella notte oltre i 1.000 metri di quota. Insomma, una situazione tutta in evoluzione da monitorare costantemente, soprattutto in ottica di una possibile chiusura del ponte di Sorbolo.

🟡 Fiume Secchia

Molto meno nervoso del cugino di oltre-Ventasso. Supera soglia 1 in diverse stazioni tra Rubiera e Gatta. Non è difficile che possa avvicinarsi o toccare soglia 2 sotto il ponte della via Emilia a Rubiera in tarda mattinata poiché a monte tutte le stazioni sono in crescita. Si assiste ad un’appiattimento della crescita all’altezza di Ponte Veggia, ma potrebbe trattarsi di una piccola cresta d’onda che nelle prossime ore potrebbe flettersi per riprendere a salire. Ma comunque al momento non desta preoccupazione ed il suo letto è in grado di contenere ben altro tipo di piene.

🟡 Torrente Tresinaro

Nessun segno di minaccia, ha sfiorato soglia 1 nei pressi di Scandiano poco prima dell’alba, ma ora il livello cala progressivamente. Si supera soglia 1 alla foce di Rubiera, ma per l’ingresso di acqua dal fiume Secchia che ha un livello superiore.

🟢 Torrente Crostolo

Discorso simile al cugino Tresinaro, crescita fin quasi a toccare soglia 1 prima dell’alba, ma ora in calo. La piccola onda di piena sta per entrare a Reggio Emilia in questi minuti. Il calo della pioggia in collina fa presagire che non ci saranno minacce.

🟢 Torrente Dolo

E’ cresciuto nella notte a causa delle forti piogge, ma sempre sotto soglia 1. L’invaso di Fontanaluccia è ancora in grado di contenere un discreto volume di acqua in arrivo da monte e gestire il tutto.

Immagini: MeteoReggio.it 4GCam Sisteck.com