di Matteo Benevelli – Meteo Reggio

REGGIO EMILIA – Permangono le condizioni di stazionarietà sulla nostra Provincia. Cala l’intensità delle piogge, ma le criticità possono ancora manifestarsi come conseguenza degli ulteriori accumuli. Il ciclone “Emil” ruota nel cuore del mare Tirreno e convoglia aria mite sotto forma di un vento di Scirocco che ha fatto salire altissima la quota neve.
Fusione e piogge stazionarie rallentano il calo della portata dei corsi d’acqua in discesa dalla montagna.

Ecco il testo mandato al Coordinamento di Reggio Emilia:


Le piogge non abbandonano il reggiano, il ciclone “Emil” continua a ruotare in senso antiorario nel mar Tirreno e a scagliare una mite corrente umida di Scirocco nel cuore della Pianura Padana. Condizioni stabili che hanno indotto l’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile e da ARPAE ad emettere una nuova allerta meteo 🟠 “Arancione” valida per la giornata di domani, giovedì 29 febbraio.

Ecco il dettaglio per il reggiano:

🟠 PIANURA e CITTA’
Su quest’area abbiamo allerta meteo “Arancione” per il possibile transito di onde di piena nei corsi d’acqua in discesa dall’Appennino. I timori sono sempre concentrati sul torrente Enza che ha già dato segni di nervosismo nei giorni precedenti. La fusione delle nevi in quota e le piogge si manifestano su un terreno saturo e non più in grado si assorbire l’acqua.

🟡 PEDECOLLINARE e COLLINA
Nella zona a sud della via Emilia l’allerta meteo scende a “gialla”, ma al possibile transito di onde di piena si somma il possibile dissesto idrogeologico. Il terreno saturo e appesantito potrebbe favorire la formazione di eventi franosi.

🟡 MONTAGNA
Come accennato per la zona di Pianura, qui abbiamo concentrate piogge e fusione della neve al suolo. Queste manifestazioni determinano le condizioni ideali per il possibile innesco di movimenti franosi verso valle. Al tempo stesso è alto il rischio di ingrossamento dei corsi d’acqua. Per tale ragione abbiamo allerta meteo “gialla” su tutti i 3 Comuni della montagna.