Immagine da Comune di Reggio Emilia

REGGIO EMILIA – La rete degli itinerari pedonali del progetto “Reggio città dei sentieri” si allarga con l’inaugurazione, a partire dal 10 marzo, di 11 nuovi percorsi che attraversano la città e il forese, offrendo occasioni di mobilità dolce, attività fisica e nuove connessioni urbane ed extraurbane alla scoperta del territorio. I nuovi tracciati – per un totale di 100,44 chilometri – si aggiungono ai 18 già inaugurati nel corso del 2023: entro la fine del 2024 la rete dei sentieri sarà completata, arrivando così a 246 chilometri complessivi.

Domenica 10 marzo sarà inaugurato con una camminata il sentiero che collega i due percorsi Cai 646V e 646T. Si tratta di un percorso di 10,4 chilometri che, partendo dal Bosco urbano Dario Fo, unirà il parco del Rodano al parco del Crostolo passando per il canale di Secchia. Un itinerario fortemente voluto dal Cai e dai residenti dei quartieri interessati, che toccherà il nucleo storico di Buco del Signore, valorizzando i beni culturali del territorio come il Mulino degli stagni, di origine medievale.

Il secondo sentiero ad essere inaugurato domenica 17 marzo sarà invece l’anello dei murales di Corticella (7,35 chilometri): un itinerario inconsueto nella frazione a sud-est di Reggio, alla scoperta degli otto murales presenti sul territorio e di alcuni punti storici e di interesse ambientale, tra cui l’alzaia del torrente Tresinaro e l’antica osteria Toschi, caposaldo secolare della frazione e un tempo stazione di posta per i birocciai.

“Con questa seconda parte del progetto “Reggio città dei sentieri” – dice l’assessore a Partecipazione e quartieri Lanfranco de Franco inauguriamo undici nuovi percorsi pedonali urbani e nel forese, per un totale di 100 nuovi chilometri di itinerari, valorizzando gli aspetti naturalistici, storici e culturali del nostro territorio.”

Gli itinerari del progetto “Reggio città dei sentieri” si snodano lungo piste ciclopedonali, sentieri, carraie, a seconda della loro collocazione geografica, e sono stati definiti insieme agli abitanti del territorio in occasione delle ‘passeggiate progettanti’, realizzate per valutare direttamente in loco i percorsi migliori e come valorizzare non solo gli aspetti naturalistici ma anche quelli storiografici e sociali, che permettono alla persone che li percorrono di entrare maggiormente in relazione con i luoghi e il loro passato. Grazie al coinvolgimento dei cittadini, principali attori e conoscitori dei loro quartieri, è stato possibile includere negli itinerari anche punti di interesse come edifici, monumenti, canali o paesaggi.

Gli itinerari toccano tutte le frazioni e i quartieri della città e sono equamente distribuiti sul territorio. Partner del Comune in questo percorso sono Cai, Consorzio di Bonifica dell’Emilia Centrale, Ente Parchi Emilia Centrale, Fiab, Uisp, Wwf e Istoreco.

I nuovi percorsi saranno visibili in un atlante con mappa, che sarà man mano aggiornato sulla base del graduale posizionamento della cartellonistica e che è consultabile su www.comune.re.it/cittadeisentieri e a cui, una volta completata la segnaletica, seguirà nel 2024 una cartina geografica Cai (sia in formato cartaceo che digitale) che sarà disponibile per i cittadini presso lo Iat e altri punti di distribuzione. L’atlante riporta una scheda per ciascun percorso in cui vengono illustrate caratteristiche, distanze e luoghi di interesse.