MONTECCHIO EMILIA (Reggio Emilia) – Si era recato con un suo amico presso un locale della Val d’Enza, in provincia di Reggio Emilia, per trascorrere una serata in compagnia, con al seguito un cutter. A fine serata, complice una lite avuta con altri gruppi di ragazzi, si sarebbe lasciato scappare di possedere un cutter, circostanza per cui sono dapprima intervenuti gli addetti al locale, a cui il giovane avrebbe consegnato spontaneamente il cutter, e poi i carabinieri di Montecchio Emilia.

È accaduto nella notte del 17 marzo scorso, intorno alle ore 2:00 circa nei pressi di un locale notturno della Val d’Enza, quando il personale addetto alla sicurezza, ha contattato il 112, segnalando una lite fra giovani, e la presenza di un ragazzo in possesso di un cutter che peraltro aveva consegnato spontaneamente agli stessi addetti alla sicurezza del locale. E’ stata inviata nell’immediato una pattuglia dei carabinieri di Montecchio Emilia, i quali giunti sul posto, dopo aver parlato con gli addetti alla sicurezza, hanno avviato i dovuti accertamenti verificando che il minore in precedenza si era recato nel locale portandosi al seguito il cutter.

Verificato il presunto possesso del cutter, le cui circostanze di luogo e di tempo non ne giustificavano il porto, i militari hanno contattato la madre del minore presunto autore del fatto, invitandola insieme al figlio a presentarsi in caserma. Al termine delle formalità di rito, il giovane è stato denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i Minorenni di Bologna per porto abusivo di armi od oggetti atti ad offendere. Contestualmente i militari hanno sequestrato il cutter.