realizzazione rotatoria via Benedetto Croce
LA zona dove sorgerà la futura rotatoria in via Benedetto Croce, incroci via Franzini e via Luthuli

REGGIO EMILIA – Il Consiglio comunale ha approvato nel pomeriggio di ieri la mozione presentata da Alleanza Civica in ordine alla realizzazione di una rotatoria in via Benedetto Croce.

Via Benedetto Croce rappresenta un asse vitale nell’ambito urbano della città, congiunge infatti due nodi cruciali: il quartiere di San Pellegrino e il quartiere del Buco del Signore. Il flusso di veicoli è costante lungo questa arteria, poiché ospita non solo numerose attività commerciali e produttive, ma anche un’alta densità di popolazione residenziale.

Nei pressi degli incroci con via Franzini e via Luthuli, è imprescindibile ottimizzare la circolazione veicolare. Questa necessità deriva non solo dall’intenso traffico, ma anche dalla presenza della scuola elementare Martin Luther King e del centro sportivo Falk. In determinati momenti, soprattutto durante l’ingresso e l’uscita degli studenti dalla scuola, il flusso di automobili diventa particolarmente problematico a causa del notevole afflusso. È essenziale implementare soluzioni che migliorino la sicurezza attuale, per rendere il percorso veicolare più fluido e senza ingorghi ed il flusso pedonale più agevole e sicuro in quest’area critica.

Da tempo, i residenti di via Settembrini e del Buco Magico hanno sollevato la richiesta di realizzare una rotatoria negli incroci menzionati. Questa infrastruttura rappresenterebbe un significativo miglioramento per il traffico attuale e, dal punto di vista urbanistico, risulterebbe poco invasiva. Tale questione è stata esposta anche in sede di Consulta d’ambito.

Dai colloqui condotti con gli uffici comunali della mobilità urbana è emerso come non ci siano particolari ostacoli o criticità alla realizzazione della rotatoria. Si ritiene infatti che il progetto sia possibile, senza la necessità di uno studio preliminare o di fattibilità.

La mozione impegna quindi il sindaco e la giunta a modificare il piano triennale delle opere pubbliche alla prima variazione di bilancio, inserendo nella prima annualità utile la realizzazione della predetta.

La votazione ha avuto il seguente esito: 20 favorevoli (Pd, Coalizione Civica, Forza Italia, Europa Verde, Alleanza Civica, Fratelli d’Italia, Reggio E’, Lega – Salvini Premier) e 2 astenuti (M5S).