Foto d’archivio

REGGIO EMILIA – La notte scorsa una pattuglia mentre effettuava controlli in via Emilia Ospizio, aveva udito un rumore forte riconducibile ad una effrazione e poi un allarme che si era attivato. Poco dopo gli agenti avevano notato una persona che tentava di nascondendosi dietro ad un furgone parcheggiato, cercando di nascondere un oggetto voluminoso sotto al veicolo. Era un uomo di 39 anni, già noto alla polizia con precedenti per reati contro il patrimonio che non aveva saputo giustificare la sua presenza in zona e a pochi metri era stato trovato un sacchetto con strumenti da scasso. Addosso aveva anche un telefono cellulare.

Dopo un controllo presso un negozio della stessa via gli agenti avevano accertato che la vetrata della porta di ingresso era stata danneggiata e che era stato rubato il registratore di cassa e il cellulare trovato al 39 enne che è stato arrestato per furto aggravato.