REGGIO EMILIA – E’ stato approvato ieri in Consiglio Comunale l’odg in merito all’intitolazione della “Sala degli Specchi” del ridotto del Teatro Municipale Romolo Valli al Maestro Maurizio Pollini, deceduto all’età di 82 anni il 23 marzo scorso. Nato a Milano, l’iconico pianista italiano rinomato per le sue esecuzioni di opere di Bach, Beethoven, Chopin e compositori contemporanei come Stockhausen, negli anni Settanta ha avuto un legame con Reggio Emilia particolarmente significativo, si legge nell’odg, e la città di Reggio lo ricorda in particolare modo per l’esperienza Musica/Realtà, la storica manifestazione che dal 1973 al 1978 rivoluzionò i modi del fare e del proporre la musica portando quella classica e di area colta fuori dalle sedi tradizionali (i teatri e le sale da concerto), nelle fabbriche, nelle scuole, nelle palestre a favore di un pubblico nuovo, storicamente escluso, gli operai, le classi meno abbienti, in un confronto tra i generi, quello colto e quello popolare, senza precedenti.

Questa esperienza reggiana nacque proprio a casa del Maestro Polini, in cui si incontravano tra i più grandi musicisti dell’epoca, tra i quali il compianto Maestro Armando Gentilucci Direttore dell’allora dell’istituto Achille Peri.