Il questore di Reggio Emilia Giuseppe Maggese con l’Arcivescovo Giacomo Morandi

Quest’anno ricorre il trentaduesimo anniversario delle stragi mafiose di Capaci e Via D’Amelio, dove persero la vita i magistrati Paolo Borsellino, Giovanni Falcone, la moglie Francesca Morvillo ed i poliziotti incaricati della loro tutela Antonio Montinaro, Rocco Dicillo, Vito Schifani, Agostino Catalano, Eddie Walter Cosina, Vincenzo Li Muli, Claudio Traina ed Emanuela Loi.

Nel luogo dove avvenne la tremenda esplosione del 23 maggio e, in particolare, dove l’auto con i tre agenti di scorta che persero la vita fu catapultata, oggi sorge un giardino curato dall’Associazione “Quarto Savona 15” (sigla radio dell’auto di scorta), amata da Tina Montinaro, vedova del capo scorta. Su questo terreno insistono diverse piante di ulivo, ciascuna dedicata ad una persona delle istituzioni caduta per mano mafiosa. Anche quest’anno l’associazione ha provveduto a raccoglierne i frutti e ricavarne un certo quantitativo di olio.

La Questura di Palermo, insieme all’Associazione Quarto Savona 15, hanno ritenuto che sarebbe stato un segnale importante per tutto il Paese, nell’anniversario delle stragi mafiose, che il frutto nato dalla terra bagnata dal sangue di martiri della giustizia potesse assurgere a simbolo di redenzione, contemporaneamente diventando segno per tutti, cattolici e non, dell’autenticità e profondità del sentimento religioso, che mai deve perdere di vista la radicalità del messaggio evangelico: ama il prossimo tuo come te stesso. In considerazione di come, in un passato non lontano, cosa nostra abbia strumentalizzato il sentimento religioso di alcuni siciliani manipolandolo a giustificazione dei crimini più orrendi.

Nella giornata odierna, il Questore di Reggio Emilia dott. Giuseppe Maggese lo ha consegnato all’Arcivescovo Giacomo Morandi nel corso di una visita al Palazzo Vescovile.  L’olio così donato sarà utilizzato per la Santa Messa Crismale che si terrà giovedì 28 marzo presso la Cattedrale Santa Maria Assunta.