minaccia vicino con katane e danneggia la porta dell'abitazione
Le spade giapponesi seqeuestrate all’aggressore

CAMPAGNOLA EMILIA (Reggio Emilia) – Nel pomeriggio del 27 marzo scoro un uomo di 40 anni, a causa di probabili dissidi condominiali, ha danneggiato la porta dell’abitazione del vicino utilizzando una katana, con l’intenzione di entrare in casa, forandola da parte a parte. Dopo aver compiuto l’azione delittuosa, l’uomo ha raggiunto la vittima in cortile e l’ha inseguita brandendo due spade giapponesi. Solo il sopraggiungere delle autorità, allertate dalla figlia della vittima, ha fatto desistere il 40enne dal proseguire l’aggressione.

Giunti sul posto i carabinieri i carabinieri hanno immediatamente notato nel cortile dell’abitazione il 40enne che, in evidente stato di agitazione, brandiva in mano una katana lunga circa 1 metro, senza filo ma con punta acuminata, e nell’altra una piccola katana lunga totalmente 26 cm. Poco distante era presente la vittima. I militari sono riusciti a far desistere l’uomo dal compiere l’azione violenta che ha poi deposto le spade, poi sequestrate. Dopo l’aggressione e le minacce la vittima si è recata in caserma per formalizzare la denuncia.

Il vicino violento è stato denunciato con l’accusa di porto di armi od oggetti atti ad offendere, danneggiamento e minaccia aggravata. Gli accertamenti in fase di indagini preliminari perseguiranno per i consueti approfondimenti investigativi.