REGGIO EMILIA – Nel primo pomeriggio dello scorso 1° maggio una Squadra Volanti di Reggio Emilia è intervenuta in via Terrachini per la segnalazione da parte di una donna in merito ad al furto e un successivo possibile ritrovamento del suo telefono cellulare.

La donna ha raccontato ai militari di aver subito, la notte precedente, il furto del suo telefono all’esterno di un ristorante in Piazza San Prospero. Il giorno successivo utilizzando un’applicazione di geo localizzazione presente sul telefono riusciva a rintracciarne la presenza all’interno di un edificio di via Terrachini.

Gli agenti, giunti sul posto, dopo qualche minuto hanno notato un uomo uscire dall’edificio a bordo di un monopattino elettrico. La donna ha subito riconosciuto l’uomo, ricordando che fosse presente all’esterno del ristorante al momento del furto subito. Il soggetto è stato quindi fermato ed incalzato dagli agenti riguardo il furto ed ha ammesso di aver preso il telefono e di averlo momentaneamente nascosto sotto un albero nel giardino del palazzo. I militari hanno quindi recuperato il telefono subito riconosciuto dalla donna.

A seguito di accertamenti nei confronti dell’uomo, un tunisino di 33 anni irregolare sul territorio nazionale, è risultato che anche il monopattino elettrico su cui viaggiava era stato rubato lo scorso marzo. Il 33enne è stato deferito in stato di libertà per l’ipotesi di reato di ricettazione mentre sia il telefono cellulare che il monopattino elettrico sono stati restituiti ai legittimi proprietari.