reggio panorama dall'alto

REGGIO EMILIA – Il prossimo lunedì 27 maggio alle ore 18 si terrà presso la sala conferenze della Confedilizia di Reggio Emilia, l’Associazione che tutela i proprietari di case, l’incontro tra questi ed i candidati Sindaco Aguzzoli, Massari, Reggio, Soragni, Tarquini.

In questa occasione la Presidente dell’Associazione Avv. Annamaria Terenziani presenterà le dodici  proposte per il rilancio del settore immobiliare a Reggio Emilia.

Tra le proposte che verranno avanzate si evidenziano tra le altre: la creazione di uno sportello tecnico, all’interno del Comune, strutturato al fine di fornire un servizio informativo, finalizzato alle successive eventuali istanze di cambio d’uso, ristrutturazione, sanatoria. I proprietari, i conduttori o gli acquirenti hanno necessità infatti, anche attraverso i propri consulenti, di conoscere (ed in tempi brevi) le potenzialità dell’immobile proprio o che si intende locare o acquistare: i diversi usi consentiti, le capacità edificatorie, la congruità rispetto a quanto risulta dalla documentazione negli atti del Comune; la revisione delle classificazioni degli immobili che, solo perché collocati in una determinata zona geografica (come ad esempio in centro storico) o perché posti in zone di rispetto, anche se privi di un reale valore storico o paesaggistico, sono soggetti a procedure di recupero estremamente onerose; la realizzazione del progetto relativo al parcheggio multipiano (due piani interrati ed un piano in esterno) per il parcheggio dell’ex-Caam; una zona sarebbe strategica sia per le piazze del mercato e dei locali aperti alla sera, sia per tutti quei negozi che si sviluppano sulla via Emilia San Pietro (su cui occorre tornare ad investire), sia per i Chiostri di San Pietro; l’assistenza agli sfratti da parte della Polizia Municipale al fine di accelerare le procedure esecutive rallentate dall’assenza della Forza Pubblica; l’esenzione per il proprietario dal pagamento dell’Imu durante le procedure di sfratto, non avendo egli la materiale disponibilità del bene e dunque non essendo considerabile un secondo immobile a disposizione. Agevolazioni Imu e Tari per chi affitta a canone concordato e per chi apre uno studio professionale in centro storico; contributi a fondo perduto per la ristrutturazione degli immobili privati destinati alla locazione a canone concordato.

Si parlerà anche delle Diga di Vetto da almeno 150 milioni di mc da promuovere anche a vantaggio di Reggio poichè influenzerebbe la quantità e la qualità delle acque a disposizione e condizionerebbe in modo determinate e positivo il territorio reggiano, così come si parlerà della Valorizzazione dei borghi attraverso una profonda sinergia tra il Comune Capoluogo ed i borghi che lo circondano in tutta la Provincia, sia in un’ottica turistica sia di ripopolamento degli stessi, favorendo la loro riqualificazione, la dotazione di servizi e comode strutture di collegamento.